fbpx

Ripresa dell’attività giudiziaria in Sicilia, malumore tra gli avvocati

Senza categoria

di Marco Castelli

La ripresa dell’attività giudiziaria nei palazzi di giustizia siciliani sembra avvenire in ordine sparso. Dopo la paralisi pressoché totale dovuta alla fase 1 del periodo di emergenza Covid, la rimessa in moto di ciascun Tribunale sarebbe oggi decisa autonomamente dal rispettivo Presidente, a seconda della situazione di ogni territorio e di quanto discusso con il relativo Ordine degli avvocati, con l’autorità sanitaria locale e con la Regione. Non mancano situazioni in cui due tribunali siti a pochi chilometri l’uno dall’altro vedano la riapertura in modalità differenti. L’attività penale del Tribunale di Palermo, ad esempio, avrebbe ripreso già da qualche giorno, mentre ad Agrigento, Termini Imerese e non solo si parla di fine luglio. Il Tribunale di Sciacca pare avviarsi verso la modalità esclusivamente telematica, quello di Agrigento riprenderebbe a breve a gestire le separazioni giudiziali mentre in quello di Catania, sempre in merito alle separazioni, se ne riparlerebbe il 2 settembre.

In una situazione così complessa e a tratti incerta, l’attività degli avvocati rischia di subire importanti conseguenze. Proprio stamattina era previsto un flash mob dei legali davanti al Tribunale di Agrigento, finalizzato a sensibilizzare le Istituzioni e l’opinione pubblica su una giustizia sospesa che rischia di lasciare i cittadini privi delle risposte di cui hanno bisogno. Secondo gli avvocati della Città della Valle dei Templi la paralisi finirebbe solo il prossimo settembre; in assenza di risposte adeguate ed immediate si avrebbero ripercussioni sull’intero comparto giustizia.

I detenuti del carcere Pagliarelli di Palermo che devono colloquiare con i propri avvocati possono adesso farlo. La direzione del carcere, però, ha stabilito specifiche regole: non solo vanno indossati guanti e mascherine ma l’ingresso è consentito solo a due avvocati per volta. Questo starebbe causando, per i legali, estenuanti attese all’esterno, sotto il sole cocente, nonostante nella prenotazione (obbligatoria) sia specificato giorno e orario. I tempi non sembrano essere stati affatto rispettati e gli avvocati, giovani o anziani che siano, hanno dovuto attendere fuori, in attesa di essere chiamati. Vista la situazione, la durata di alcuni colloqui è stata ridotta al minimo indispensabile per favorire lo smaltimento della fila; nonostante questo gli avvocati lamentano tempi insostenibili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE