fbpx

Trapani non è già più “Covid free”. Nuovi casi dopo l’euforia

Cronaca

Ma dall’azienda sanitaria provinciale si affrettano a spiegare che si tratta di positivi ‘importati’ che non mutano il quadro promettente. L’attenzione resta alta in attesa dei nuovi dati

 

© Afp –

La favola di Trapani Covid free si infrange subito: quando l’euforia si era diffusa, si è incaricato un bollettino della Regione a certificare nella provincia cinque nuovi casi.

Ma dall’azienda sanitaria si affrettano a spiegare che si tratta di casi di ‘importazione’ e che nulla cambia. il paziente di Castelvetrano, di cui si attende la ‘negativizzazione’, si trova al Covid hotel di Palermo.

Da dove arrivano i nuovi casi

Quelli di Castelvetrano e Marsala sono importati: asintomatici di rientro da Verona e dalle Marche. Il paziente di Calatafimi Segesta era ricoverato a Villa Maria Eleonora di Palermo dove ha contratto la malattia durante il ricovero, successivamente è stato trasferito in Covid hospital a Partinico e, infine, al proprio domicilio. Una donna di Mazara del Vallo è asintomatica e si trova a casa. 

L’Organizzazione mondiale della sanità per dichiarare conclusa una pandemia richiede due cicli di incubazione senza nuovi contagi, quindi per il coronavirus si tratta di un periodo di 28 giorni senza nuovi positivi ovvero, senza che venga registrato alcun caso di contagio. E tanti ne sono trascorsi da quando era stato registrato l’ultimo caso a Trapani.

A Crotone i giorni senza contagio sono 27, e quindi anche qui siamo a un passo dalla fine della pandemia, o che, al tempo della rilevazione, in tutta la Calabria da 4 giorni non si registra nemmeno un contagio, mentre in Sardegna ne sono trascorsi 3 dall’ultimo tampone positivo.

Rimane il fatto che nel Nord Italia si continuano a registrare contagi. E che basta anche un solo positivo perché il conto alla rovescia ricominci daccapo. Proprio così: a Trapani si ricomincia e si spera


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE