fbpx

Lufthansa ha perso 2,1 miliardi di euro nel primo trimestre

Economia e Finanza

La compagnia aerea tedesca ha annunciato una “vasta ristrutturazione”

Lufthansa perdite "vasta ristrutturazione"

Lufthansa (afp) 

La compagnia aerea tedesca, oggetto di un piano di salvataggio senza precedenti, ha registrato una perdita netta di 2,1 miliardi di euro nel primo trimestre e ha annunciato una “profonda ristrutturazione” di tutti i suoi rami.

La crisi del coronavirus ha “pesato in una maniera senza precedenti sul nostro risultato” e “la domanda si riprenderà solo molto lentamente, per questo dobbiamo controbilanciare con una ristrutturazione di vasta portata”, ha spiegato l’amministratore delegato Carsten Spohr, in una nota senza fornire altri dettagli. 

Per superare la crisi, ha ottenuto 9 miliardi di euro di aiuti pubblici e prestiti garantiti in Germania, in cambio di un ingresso nel capitale dello Stato e di concessioni ai concorrenti, come richiesto da Bruxelles.

Il più grande vettore europeo era già in cattive condizioni prima della pandemia: nei primi tre mesi del 2019 aveva perso 342 milioni di euro.
“Lufthansa prevede di ridurre significativamente i costi rispetto ai livelli pre-crisi”, spiega la compagnia, che all’inizio di aprile ha annunciato che ridurrà la sua flotta di 100 aeromobili (su 763) e chiuderà la sua controllata Germanwings.

“Anche nelle altre filiali del gruppo saranno lanciati programmi di ristrutturazione e di riduzione dei costi”, aggiunge Lufthansa, che afferma di essere in trattative con i produttori di aeromobili per rinviare le consegne.

“Nel medio termine, stiamo valutando la vendita di alcune attività che non fanno parte del nostro core business”, spiega. Mentre la compagnia aerea tedesca ha offerto solo il 3% del numero abituale di posti sui suoi voli a maggio, a giugno ha potenziato il numero per raggiungere i 2.000 collegamenti settimanali.

Entro settembre, vuole servire il 90% delle destinazioni abituali a corto raggio e il 70% di quelle a lungo raggio. Tuttavia, Lufthansa prevede di mantenere a terra 300 dei suoi aeromobili nel 2021 e 200 nel 2022, segno che prevede una lenta ripresa della domanda.
Al culmine della crisi, 700 aerei sono rimasti a terra, mentre il numero di passeggeri è crollato del 98% ad aprile in un anno. 

Il colosso del trasporto aereo ha annunciato l’obiettivo di aumentare l’offerta per raggiungere a settembre “fino al 40%” di quanto previsto prima della pandemia del coronavirus, che ha bloccato quasi tutto il traffico passeggeri.

Il gruppo tedesco, che ha ripreso alcuni voli all’inizio di giugno dopo aver offerto solo il 3% dei posti abituali sui suoi voli a maggio, prevede comunque che 300 dei suoi 763 aerei resteranno a terra nel 2021 e 200 nel 2022, segno dell’anticipazione di una lenta ripresa della domanda. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE