fbpx

  La speranza non basta

Senza categoria

La traumatica esperienza pandemica di questi mesi ha fatto emergere una dimensione sociale che non è possibile classificare come”prassi”. Il Covid-19 ha evidenziato le nostre debolezze e imposto privazioni impensabili solo al tramonto dello scorso anno. L’esperienza diretta di un malessere, anche economico, che s’è evoluto in “crisi” sociale, ha ridimensionato il nostro modo d’essere.

 Gli interrogativi nefasti di questo periodo, che ci porterà a un’estate, non priva di problemi, si sono evidenziati e le risposte, almeno quelle serie, non ci sono. Non è possibile, pur con tutta la buona volontà, farsi una ragione di quanto è capitato. In questa primavera “rubata”, non sono mancate riflessioni contraddittorie a tutti livelli. Dare una dimensione al dolore e a un’economia che sarà drammatica, non sembra ipotizzabile. Non c’è possibilità di recuperare, neppure in parte, ciò che c’è stato portato via. Non sole le vite, ma anche il nostro futuro. Come interpretare ciò che sta capitando? Non c’è risposta che non porti alla stessa considerazione: per uscirne, l’Italia, da sola, non lo potrà mai fare.

Le promesse, rassicuranti, del nostro Primo Ministro non sono confortate da fatti concreti. Abbiamo bisogno di tutto; ma in tempi brevi. Assicurare e non poter attuare ci riporta a una politica becera che abbiamo, da sempre, disprezzato. L’Italia, e il mondo, si riprenderanno dal Coronavirus. Per L’Italia, sarà più arduo tentare di riscattare un’economia percorribile. Certo, questa non è la fine del mondo; ma il termine di un modo di vita nel quale, a torto o a ragione, c’eravamo adattati. Oggi non è più possibile fare dei progetti per lo stesso percorso. Lo scriviamo francamente.

 Dopo un’estate rabberciata, con l’autunno e fine anno, saranno i problemi sociali ad avere la prevalenza. Con effetti che non ci sentiamo d’anticipare. Questa volta, l’importante è essere coesi. Nessuno escluso. Insomma, la speranza, come umano sentimento, non basta più per riportarci a essere, almeno, com’eravamo.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE