fbpx

Coronavirus, nuova ordinanza della Regione Lombardia

Lombardia

 
Il palazzo sede della Giunta regionale (foto da Wikipedia di Amstead23 – Opera propria)

Da lunedì 15 giugno in Lombardia riapriranno i centri estivi per bambini e adolescenti da 0-17 anni, i cinema, i teatri, le sale giochi e le sagre locali. Queste le novità più significative prodotte della nuova ordinanza firmata oggi (venerdì 12 giugno) dal presidente Attilio Fontana, valida dal 15 giugno al 30 giugno 2020.

Nella nuova ordinanza, viene confermato che su tutto il territorio regionale permane l’obbligo di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all’aperto. In tema di organizzazione del lavoro, resta obbligatoria la misurazione della temperatura per il datore e per i dipendenti, così come per i clienti dei ristoranti.

Per i centri estivi è sufficiente la comunicazione dell’avvio dell’attività a Comuni e Ats. Sono consentiti gli eventi e le competizioni sportive senza pubblico, ad eccezione delle discipline ‘di contatto’, per le quali occorrerà aspettare fino al 25 giugno, come previsto
dall’ultimo Dpcm (Decreto del presidente del Consiglio dei ministri).

Le riaperture di centri estivi, cinema e teatri, sale giochi – così come tutte le altre materie oggetto degli effetti prodotti dall’ordinanza – sono soggette a quanto indicato dalle ‘linee guida’ allegate alla stessa che illustrano dettagliatamente modalità e regole che caratterizzano le singole aperture.

Come previsto dallo stesso Dpcm, restano per ora chiuse le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE