fbpx

Conte: ‘il governo si fara’ trovare pronto per finanziamenti Ue’

Politica

 “Vi confermo che il governo vuole farsi trovare pronto all’appuntamento con gli strumenti di finanziamento europeo e già in questi giorni ha avviato un’ampia consultazione con tutte le forze politiche, produttive, sociali e culturali del Paese per elaborare un piano di rilancio da cui potrà essere successivamente ricavare il più specifico Recovery Plan che l’Italia presenterà in adesione al programma Next Generation Eu il prossimo settembre in particolare”. Così il premier Giuseppe Conte, nell’informativa alla Camera in vista del Consiglio Ue del 19 giugno.

“La nostra posizione e’ che non ci si discosti dalla proposta della Commissione, quanto al volume e alla composizione ad ampia prevalenza di ‘grants’ e che rimanga fermo il principio di un finanziamento straordinario e a lungo termine tramite debito comune europeo”. Cosi’ sul piano ‘Next generation Eu’, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nell’Aula della Camera in vista del prossimo Consiglio europeo. E, ha ribadito, “l’accordo dovra’ giungere in tempi rapidi, per consentire, dopo le necessarie approvazioni al Parlamento europeo e ai Parlamenti nazionali, un celere avvio dell’attuazione di ‘Next Generation Eu’ e del prossimo Quadro finanziario pluriennale”.

“Non possiamo permetterci di riprodurre la liturgia delle decisioni dei consigli europei che sulle questioni di bilancio, necessitano di lunghi negoziati che sfociano quasi sempre in compromessi al ribasso. Non lo meritano le decine di migliaia di vittime del Covid-19, non lo meritano le famiglie, giovani e imprese che ne stanno affrontando le conseguenze sociali ed economiche. Per questa ragione tutti gli Stati membri sono chiamati a una decisione di elevato profilo”, ha detto il premier.

Conte ha poi concluso: “La posta in gioco sul piano europeo e’ la tenuta dell’economia e della coesione sociale dell’Unione, e’ il funzionamento stesso del mercato unico che e’ uno dei cardini dell’Europa unita, la possibilita’ di rendere le economie resilienti di fronte a future e analoghe crisi a cominciare da una seconda ondata del Covid-19 che siamo tutti impegnati a contenere e prevenire forti dell’esperienza gia’ maturata”.

“Siamo confidenti che dalla tragedia della crisi possa rinascere una grande opportunita’ e l’Italia nella sfida europea puo’ essere protagonista, con la schiena dritta e senza piegarsi ai diktat di nessuno”. Lo ha detto in Aula della Camera Filippo Scerra del Movimento 5 stelle, dopo l’informativa di Conte sul Consiglio Ue. “Purtroppo non tutti hanno remato nella stessa direzione e dispiace che il paese non abbia fatto dell’unita’ nazionale la sua forza per superare la crisi. I primi che hanno sperato nella disgregazione europea e nella sconfitta dell’Italia sono state le nostre opposizioni, Giorgia Meloni e Matteo Salvini”. Parole che hanno subito suscitato la dura protesta del centrodestra, e scoppia la bagarre in Aula, con in presidente Roberto Fico costretto piu’ volte a richiamare i deputati all’ordine. “Una opposizione – ha proseguito il pentastellato – che non e’ all’altezza di questo tragico momento, che per tre mesi hanno bombardato con notizie false”, ha aggiunto, mentre nell’Aula continuano le proteste delle opposizioni. “Purtroppo queste opposizioni pur di conquistare consensi sono disposte a sacrificare tutto, anche l’interesse del paese”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE