fbpx

Covid, Pechino blocca i voli. Paura in Cina

Estero

Pechino ha registrato altri 31 casi di Covid-19: dal 13 giugno sono piu’ di 356mila i test fatti sulla popolazione a un ritmo serrato e continuo, con lunghe ed estenuanti code davanti ai numerosi laboratori messi a punto, anche mobili. Secondo le autorita’ municipali, il potenziale e’ di 400.000 test al giorno grazie ai 100mila operatori sanitari in campo, secondo i media locali. Nel conteggio al pomeriggio, i due aeroporti della capitale hanno visto la cancellazione di oltre il 50% dei voli in arrivo e in partenza, pari a piu’ di 1.200 unita’. 

 I due aeroporti di Pechino hanno annullato oltre mille vole dopo un’impennata dei casi di Covid-19 nella capitale della Cina. Alle 9.10 del mattino ora locale, già cancellati 1.255 voli in partenza e in arrivo negli aeroporti della città, circa il 70 per cento. Pechino ha esortato i suoi 21 milioni di abitanti a evitare viaggi “non essenziali” fuori città e ha ordinato di nuovo la chiusura delle scuole. Diverse città e province hanno inoltre imposto una quarantena all’arrivo per i viaggiatori provenienti dalla capitale. Previsto anche un rimborso per chi ha prenotato i biglietti ferroviari da o per Pechino. La scoperta in cinque giorni di oltre un centinaio di contagiati, collegati a un grande mercato all’ingrosso cittadino, è stata uno shock per i residenti. La Cina aveva in gran parte contenuto il coronavirus attraverso quarantene e screening. Secondo il sindaco, la capitale cinese ha registrato 31 nuovi contagi nelle ultime 24 ore, una cifra complessiva stabile per il quarto giorno consecutivo anche se per due mesi non c’erano stati nuovi casi locali e la vita aveva ripreso un corso quasi normale. La paura di una seconda ondata epidemica ha spinto le autorità locali ad agire subito con una massiccia campagna di test e l’isolamento di molte aree residenziali. Il rischio è troppo alto.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE