fbpx

Commemorazione di Cleonice Tomassetti e dell’eccidio Fondotoce di Fo

Cronaca

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani vuole commemorare oggi la figura di Cleonice Tomassetti, fucilata e abusata, benché incinta, dal plotone nazifascista nell’eccidio di Fondotoce (20 giugno 1944). La sua storia è la testimonianza di una donna sfortunata e coraggiosa, che seppe morire per gli ideali in cui credeva. Oggi siamo purtroppo lontani dall’onestà intellettuale con cui Cleonice spese la propria esistenza. La giovane, morta a 32 anni, nonostante le difficoltà incontrate, un padre stupratore e abietto, datori di lavoro sfruttatori e disonesti, disagio economico, non smise mai di sperare in un mondo migliore per tutti e libero dalla dittatura. Chi ha avuto modo di raccogliere la testimonianza della sfortunata ragazza riferisce due frasi assai rappresentative del suo carattere fiero e indomito: “Facciamo vedere che è meglio morire da italiani che da servi dei tedeschi”; “Se percuotendomi volete mortificare il mio corpo, è superfluo il farlo; esso è già annientato. Se invece volete uccidere il mio spirito, vi dico che è opera vana: quello non lo domerete mai”.

Il CNDDU invita a riflettere su figure storiche magari non note ai più ma il cui esempio può costituire un momento di formazione e dibattito sul valore della democrazia conquistata con il sacrificio di tanti onesti cittadini.

prof. Romano Pesavento

presidente CNDDU


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE