fbpx

La notizia di Benedetto XVI in visita al fratello malato

Cronaca

Cosa ci dice il fatto che il Papa emerito, ultranovantenne, è andato in Germania dal fratello Georg, in tempi in cui tutti ci consigliano di “stare lontani per il nostro bene”

La notizia della visita di Benedetto XVI a Regensburg al fratello Georg ha molto da dirci a partire dai suoi elementi di cronaca. Benedetto ha 93 anni, il fratello 96. Sono entrambi malati: il secondo, si capisce, in maniera più grave. Per la prima volta, dal 2013, quando fece la sua famosa rinuncia, il Papa emerito uscirà dai confini italiani. Come ci informa il comunicato vaticano, il pontefice «ha lasciato la sua residenza ed è giunto nel suo Paese, accompagnato da monsignor Georg Gaenswein, dal medico, da un infermiere, da una delle memores domini e dal vicecomandante del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano».

Sappiamo anche che Benedetto XVI si tratterrà in Germania «il tempo necessario» e che è stato chiesto ai media di mantenere un certo riserbo affinché questo «incontro profondamente personale rimanga privato».

Sappiamo infine che tra i due fratelli sacerdoti esiste un legame assai robusto, più volte ribadito, e ieri lo stesso comunicato ci ricordava le parole di Joseph Ratzinger nel 2008: «Fin dalla nascita, mio fratello è stato per me non solo un compagno, ma anche una guida affidabile. Ha sempre rappresentato un punto di orientamento e di riferimento con la chiarezza e la determinazione delle sue decisioni».

Quel che non c’è scritto nel comunicato, ma che noi tutti intuiamo, è la potenza di un semplice gesto d’affetto da parte di una persona ultranovantenne, in questi tempi dominati dalla paura e dal sospetto. Tempi in cui, ci viene ribadito in ogni istante, occorre stare lontani “per il nostro bene”. Ma se a essere “lontano” è il volto familiare del nostro bene? Senza alcuna chiosa a margine, ma col semplice fatto di mettere a repentaglio se stesso e il proprio corpo malandato in cui s’agita un cuore giovane e impavido, Benedetto XVI ci ricorda che la vita si trascina in una leggerezza inconcludente se non è messa a repentaglio per ciò che si ama. Al fondo, la notizia è questa.

Foto Ansa


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE