fbpx

Toscana: accordo con università per assunzione medici specializzandi

Toscana

Accordo siglato dal presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, ed ai rettori delle Università toscane per l’assunzione di medici specializzandi.

Nel contempo nel Dl Rilancio sono previste più risorse, più fondi per i contratti di formazione specialistica per i medici ma a partire dal 2022. Si tratta di un emendamento al Dl Rilancio approvato in commissione Bilancio alla Camera. La proposta stanzia 25 milioni l’anno per il 2022 e il 2023 e 26 milioni all’anno dal 2024 al 2026, per un totale di 128 milioni.

Per quanto riguarda la Toscana l’accordo prevede che entro il 31 dicembre 2022, medici e medici veterinari specializzandi del terzo anno in poi (che già in Toscana possono partecipare ai concorsi), una volta risultati idonei e collocati nelle relative graduatorie, potranno essere subito assunti a tempo determinato dalle aziende e dagli enti del servizio sanitario della Toscana, e accedere a un contratto a tempo indeterminato, dopo avere conseguito il titolo di specializzazione.

“Si tratta di una strategia condivisa, che consentirà al nostro sistema sanitario una boccata d’ossigeno e a centinaia di medici e medici veterinari, in formazione specialistica nelle nostre Università, di essere valorizzate in modo più strutturato, per arrivare ad essere inserite stabilmente al suo interno – commenta il presidente Rossi -. Per i giovani specializzandi è un’opportunità in più, perché rispetto al passato il loro percorso professionale prevede prospettive più solide, fino all’approdo dell’assunzione definitiva. L’attuale normativa, rivista anche in funzione dell’emergenza Covid, – spiega Rossi – ha reso possibile cogliere questa opportunità e rendere concreta, e immediatamente applicabile, la stipula di nuovi contratti di lavoro, che saranno interamente a carico del nostro sistema sanitario”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE