fbpx

La democrazia sta nei cuori

Interviste & Opinioni

In prima fila lei: la Scuola, per instillare valori di libertà e cultura del rispetto. Dal primo settembre entra trasversalmente tra i banchi di tutte le scuole di ogni ordine e grado l’educazione civica. Disciplina dalla trame forti che intreccia la storia con la filosofia, l’italiano con le lingue straniere, le scienze naturali con quelle motorie. Lente di ingrandimento sul passato per assaporare la bellezza della conquista dei nostri diritti inviolabili, cui i doveri di ognuno sono funzionali. Su tutte le materie, come un faro che indica il senso del perché è più proficuo instradare il doveroso rispetto delle regole piuttosto che il dinoccolato passo del furbo: il diritto; vivida e vitale disciplina che evolve con l’uomo e guida il suo progresso.

Già dagli anni ‘90 sembra esserci stato un crescente interesse in tutto il mondo per lo sviluppo e l’attuazione di programmi educativi civici e di cittadinanza nelle scuole per aiutare i giovani a diventare cittadini competenti e responsabili nei sistemi politici democratici. Questo interesse è stato più direttamente focalizzato sui programmi di educazione civica a livello anche prescolare dell’obbligo, sebbene l’attenzione sia sempre più focalizzata sugli studenti nelle scuole e nelle università o sull’educazione degli adulti.

Data la caduta dei governi comunisti, l’interesse per i programmi educativi a sostegno delle democrazie emergenti non è sorprendente. Ma l’attenzione all’educazione civica o all’educazione alla democrazia non si è limitata ai paesi post-comunisti e ad altri paesi con una breve storia di democrazia. È evidente che esiste un ampio interesse anche nelle democrazie più antiche. Questo perché, affinché una democrazia funzioni, deve trovarsi nei cuori e nelle menti dei suoi cittadini. E come un seme, deve essere piantato nei terreni giovani, affinché sbocci fiori senza soluzione di continuità. La bellezza è figlia del bene e il bene gemma nel reticolo fatto di norme e principi guida, senza i quali avremmo solo infestanti cespugli. Siamo tutti braccia e gambe della nostra Costituzione. Ma dobbiamo allenarci tutti i giorni ed iniziare a farlo da piccoli per renderla atletica e baliosa, perché bellissima lo è da quando è nata.

Evelyn Zappimbulso 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE