fbpx

Programma immigrazione 2020

Friuli Venezia Giulia

TRIESTE – La giunta regionale su proposta dell’assessore alle Politiche dell’immigrazione, Pierpaolo Roberti, ha approvato in via preliminare il Programma immigrazione 2020 che mette a disposizione oltre 7 milioni di euro principalmente a favore di Comuni che gestiscono minori non accompagnati o neomaggiorenni e di enti che avviano progetti di contrasto alla tratta.

“Nonostante la pressione sull’Italia dei flussi provenienti dalla
rotta balcanica continui, e su questo tema la Regione è impegnata
a fare pressione sul governo suggerendo tutte le soluzioni
possibili, le politiche adottate da questa amministrazione ci
consegnano un quadro in cui l’andamento del numero delle persone
accolte è in regressione: a giugno 2016 i richiedenti asilo
accolti in Friuli Venezia Giulia erano 4.491, a giugno 2018 erano
4.493, a luglio 2020 sono scesi a 3.007″ ha commentato Roberti.

“Come si evince dal programma – ha sottolineato l’assessore -,
rimangono come unici interventi quelli per il rimborso ai Comuni
per minori stranieri non accompagnati, il contrasto alla tratta e
le misure di raccordo con altri Stati per prevenire partenze di
minori, in particolare dal Kosovo. La Regione pertanto si impegna
soltanto ad aiutare i Comuni, contrastare lo sfruttamento e
impedire le partenze, eliminando totalmente la parte relativa
all’accoglienza”.

Sette milioni di euro vanno interamente agli enti locali per i
rimborsi dei programmi per la collocazione di minori stranieri
non accompagnati in idonee strutture, a seguito del loro
affidamento da parte del Tribunale per i minorenni. I Comuni
possono accedere alle medesime risorse anche per i percorsi
dedicati ai neomaggiorenni, in continuità con gli obiettivi
definiti dal Tribunale minorile.

Altri 100mila euro sono destinati al completamento delle “Misure
di raccordo con altri Stati” previsto dal Programma immigrazione
2019, con l’obiettivo di contenere l’arrivo di minori non
accompagnati, in prevalenza dal Kosovo.

Infine, 50mila euro sono destinati al progetto “Fvg contro la
tratta” con cui la Regione è inserita nella terza edizione del
Bando emesso dal Dipartimento per le Pari opportunità della
Presidenza del Consiglio dei Ministri, per promuovere programmi
territoriali di prevenzione e contrasto al fenomeno della tratta
e del grave sfruttamento degli esseri umani.

Il programma dovrà passare ora al vaglio della Commissione
consiliare competente in materia e del Consiglio delle Autonomie
locali prima dell’approvazione definitiva. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE