fbpx

Due barconi con 140 migranti in difficoltà nel Mediterraneo, “stiamo morendo”

Cronaca

Lo ha denunciato Alarm Phone, le imbarcazioni si trovano in zona Sar maltese e una delle due imbarca acqua. 

Un barcone di migranti 

Due barconi con a bordo in tutto 140 migranti sono in difficoltà nel Mediterraneo: a renderlo noto è Alarm Phone. Particolarmente grave la situazione di una barca con il motore in avaria in zona Sar maltese con a bordo 95 migranti che sta imbarcando acqua. “La situazione a bordo è critica, dicono di non poter rimuovere l’acqua dalla barca perché è sovraffollata. Urlano: ‘stiamo morendo!'”, ha denunciato in un tweet l’organizzazione sottolineando che “autorità maltesi e italiane sono informate ma non rispondono”. “Il mercantile Maridive230 è a circa 20 miglia dalla barca e potrebbe ricevere ordine di soccorrere ma le forze armate maltesi non rispondono alle nostre chiamate”, si legge ancora su Twitter.

L’altro barcone

Nella stessa zona Sar si trova un’altra barca con 45 persone a bordo si trova sempre in zona Sar maltese. “Di nuovo le autorità sono informate ma non rispondono”, ha spiegato Alarm Phone che è in contatto con i migranti. 

La fuga da Pozzallo

Intanto 30 migranti tunisini sono fuggiti dall’hot spot di Pozzallo. Il gruppo avrebbe approfittato della attenzione concentrata nella banchina cosiddetta ‘commerciale’ del porto siciliano, dove era attraccata la nave petroliera ‘Cosmo’ per le procedure di accoglienza e di controllo dei nuovi arrivati (loro facevano parte di un ottantina di migranti già controllati da punto di vista sanitario e presenti all’hot spot da qualche giorno) per eludere la sorveglianza all’hot spot di Pozzallo e fare perdere le proprie tracce. Confermata dall’esito del tampone la positività al covid 19 di uno dei migranti sbarcati da qualche ora a Pozzallo; si tratterebbe di un giovane subsahariano che era stato già isolato dal resto del gruppo.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE