fbpx

La recrudescenza dei femminicidi in Italia

Senza categoria

 

Dunque a quanto pare gli episodi gravi che stanno coinvolgendo le donne fino ad oggi sarebbero una quarantina in tutto il nostro Paese, quindi più o meno stiamo negli stessi limiti degli anni passati, ma secondo il mio avviso la vera recrudescenza del triste fenomeno riguarda l’omicidio con il conseguente suicidio del reo. Questo non può che avere un unico significato, la buona legge fatta dal governo GIALLOVERDE l’ anno scorso denominata, CODICE ROSSO, a lungo andare può risultare vana, anche perché insieme a questa legge, ad ora non mi risulta che si sia messo in essere un piano preciso per prevenire questo crimine come fu proposto con l’ attuazione della legge, ma si sta andando in ordine sparso, cioè sulla base dell’ efficienza dei singoli distretti che si occupano di questo grave fenomeno.

Comunque a questo proposito mi trovo costretto ad auto citarmi, in quanto anni addietro pubblicati un racconto in ebook su Amazon, STALKER X FORZA che parlava diffusamente del fenomeno, in quanto tratto da un episodio realmente accaduto, di finto Stalking che si sta protaendo dopo dieci anni ancora nei giorni nostri, che solo per il comportamento più che corretto di uno dei protagonisti del caso non sta avendo alcun seguito. Comunque anche in questo strano caso in cui è coinvolto un mio amico molto pacifico e corretto d’ infanzia, ad esempio bastava che si fosse fatta fare una visita psichiatrica ufficiale ad una delle persone coinvolte che forse tutto si sarebbe risolto controllando che costei si curasse con serietà . Insomma quello che voglio dire, che se si mettessero in essere le precauzioni sistematiche previste dalla legge italiana, molti casi potrebbero essere prevenuti sul nascere, evitando così molte sofferenze soprattutto alle donne, ma anche a molti uomini.  

Mario Marzano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE