fbpx

Quarantena per chi arriva da Romania e Bulgaria, la nuova ordinanza

Benessere & Medicina

L’ordinanza firmata da Speranza.

ROMA – Obbligo di quarantena per chi arriva in Italia da Bulgaria e Romania. A stabilirlo è la nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, per cercare di contenere la diffusione del coronavirus nel Paese. Una decisione che sembra essere strettamente collegata all’aumento dei focolai registrati in Italia. Molti cluster sono risalenti proprio a persone che negli ultimi giorni hanno soggiornato in questi Stati. Il ministro Speranza ha deciso di inserire l’isolamento obbligatorio, misura che sarà rivista solo in base ai dati epidemiologici dei Paesi interessati. “Prudenza e attenzione” Prudenza e attenzione sono le due parole usate dal ministro Speranza nell’annunciare questa decisione. “Ho appena firmato una nuova ordinanza – si legge nel post pubblicato sui social – che dispone la quarantena per i cittadini che negli ultimi 14 giorni sono stati in Romania e Bulgaria.

Questa misura è già vigente per tutti i Paesi extra europei ed extra Schenghen. Il virus non è stato sconfitto e continua a circolare. Per questo occorre ancora prudenza e attenzione“.

La situazione in Italia La situazione coronavirus in Italia continua ad essere instabile. La curva epidemiologica continua ad alternare numeri positivi ad altri negativi con il virus che continua ad essere presente nel nostro Paese anche per i cluster registrati. Massima prudenza da parte del Governo con il ministro Speranza che sta firmato delle ordinanze per cercare di fermare la diffusione dell’epidemia in Italia. Una situazione che, molto probabilmente, porterà il premier Conte a prorogare lo stato di emergenza fino al 31 ottobre con la possibilità di prolungarlo ancora in caso di un ritorno del Covid-19 in autunno. La presenza del virus aumenta il rischio di una seconda ondata anche se la situazione, fino a questo momento, sembra essere sotto controllo.   


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE