fbpx

Incontro interreligioso su come mantenere la società durante e dopo la pandemia di Covid 19

Oltre Tevere


KERICHO – “Per aiutare a superare gli effetti della pandemia in Africa occorre cambiare atteggiamento”. E’ quanto hanno sottolineato nel corso della loro prima serie di incontri virtuali internazionali volta a creare consapevolezza sul Covid-19. L’iniziativa, che vede riuniti i leader di varie religioni tra cui cristianesimo, Islam e induismo, è nata da un progetto congiunto tra l’Università Cattolica Tangaza University College (TUC), l’Umma University, istituzione islamica di apprendimento superiore e l’Harmony Institute il cui obiettivo comune è promuovere la pace nel mondo e contribuire alla coesistenza pacifica dei seguaci di diverse fedi, culture, etnie e razze.
Il tema della sessione ‘Riflessioni sulla pandemia di Coronavirus: cosa ci consigliano le fedi in tempi difficili di crisi’ è volto a come mantenere la società durante e dopo la pandemia.
Tra i relatori della video conferenza, mons. Alfred Rotich, vescovo della diocesi di Kericho, che ha esortato i presenti a “cambiare atteggiamento, purificarci, essere virtuosi, diventare persone integre, oneste e fedeli”, Il vescovo ha sottolineato i tanti conflitti, divergenze e dissensi che si sono verificati durante questo periodo di pandemia all’interno delle famiglie.
“È tempo che le persone rinsaldino la loro vita spirituale e aprano le porte al virtuosismo, aprano gli occhi del cuore in modo da poter riconoscere Dio in tutto ciò che fanno”, continua mons. Rotich nella nota pervenuta all’Agenzia Fides. “Spesso trascuriamo i nostri giovani e non ci rendiamo conto né ci prendiamo cura di alcuni comportamenti illeciti”.
Secondo il direttore esecutivo del Consiglio interreligioso del Kenya (IRCK), il dott. Francis Kuria Kagema, anch’egli intervenuto nel panel, le religioni dovrebbero ispirare le persone e dare la speranza che ‘ce la faremo a superare la pandemia’. Riflettendo inoltre sulle drastiche misure emanate per frenare la diffusione del Coronavirus nel paese, Kagema che è anche uno dei segretari del Consiglio interconfessionale costituito recentemente per aiutare a sviluppare ‘protocolli per la riapertura graduale dei luoghi di culto’, ha fatto presente che queste devono essere modificate. “Dobbiamo sostenere coloro che sono stati colpiti con modallità diverse dalle azioni drastiche messe in atto per prevenire la diffusione del virus”, ha affermato il dott. Kagema,
“Dobbiamo accettare, prendere precauzioni, cambiare il nostro atteggiamento e andare avanti”, ha detto Sujata Kotamraju, segretaria generale del Consiglio indù del Kenya (HCK), in merito alle famiglie indù che tradizionalmente vivono sotto lo stesso tetto e dove gli adulti giocano un ruolo chiave nel plasmare i giovani. Trascorrono del tempo con loro, condividono storie su questioni legate all’età e alle circostanze e programmano i matrimoni.
 Agenzia Fides 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE