fbpx

Ritorno alla politica. La scelta tra sprovveduti e intellettualmente disonesti

Politica italiana

Dunque parto dal provvedimento governativo che ha consentito ai possessori di partita IVA di accedere comunque senza limiti alcuno al bonus dei 600 euro, e faccio un esempio se pur assurdo, per far capire a chi non ha ancora capito quali sono i termini reali della faccenda che ha consentito a chi è ricco di suo di ottenere il bonus, anche perché, al di là dei politici, ci sarebbero stati moltissimi ricchi che con ogni possibilità ne avranno usufruito. Dunque, se si potesse fare una legge che lo Stato avrebbe dato un finanziamento sulla base dei bisogni reali di ciascuno di noi con giustificazioni congrue, osserveremmo che i più onesti, la minoranza, prenderebbero finanziamenti esigui, tutti gli altri si scatenerebbero e le giustificazioni addotte sarebbero le più varie e anche ridicole. Se invece questa legge contenesse l’ obbligo di restituire il finanziamento con interessi alti perché lo Stato è in sofferenza, i buontemponi sparirebbero dalla circolazione.

Quindi coloro che hanno fatto la legge o erano sprovveduti o furbi di tre cotte. Non dimentichiamo che essi sono i medesimi che fecero la legge blocco iniziale per l’ emergenza Covid , che prevedeva tra l’ altro, che coloro che andassero soli per strada, quindi senza essere pericolosi né per altri, né per sé stessi, dovevano dare giustificazioni alla forza pubblica usata come Gestapo, di dove andassero e perché andavano in quel posto che avevano dichiarato. Non solo, vi era anche la norma che nessuno si poteva muovere più di duecento metri dalla propria abitazione, e i ragazzi avrebbero potuto fare atletica solo in quell’ ambito, raggiungendo il capolavoro, che se in un caseggiato vi fossero un centinaio di ragazzi residenti che facevano atletica si sarebbero creati assembramennti ridicoli come ripeto, lo sono coloro che hanno scritto le norme. Qualcuno a questo punto chiederà , se avessero governato gli altri ci sarebbe stata più logica nei provvedimenti? Certo che si! La logica avrebbe potuto essere, la seguente:il cittadino del nord si poteva muovere in un certo modo, ma attenzione egli doveva dimostrare che fosse un nordista almeno da tre generazioni , altrimenti si doveva muovere in un altro modo, mentre coloro che abitavano al centro Italia in un altro modo ancora, quelli che abitavano al sud si dovevano attaccare alle catene perché è notorio sono sporchi britti e cattivi oltre che ladri, ad eccezione chi si fosse convertito per appoggiare partiti governativi.

Infine anche tra gli extra comunitari, vi doveva stare una differenza sostanziale tra il nero buono, cioè colui che aveva fatto dichiarazioni molto severe contro il disperato che ha attraversato il Mediterraneo rischiando la vita sua e dei suoi bambini, quello meno buono, e quello comunque cattivo che serviva per convincere gli idioti che vi fosse in atto un invasione di milioni di persone.Infine se per attuare queste disposizioni demenziali si fossero trovati ostacoli insormontabili, perché erano incostituzionali , avrebbero dato mano libera ai vari capi regionali e comunali in cerca di autore ciascuno con le sue caratteristiche peculiari, c’è la Madonna piangente a cacciare in modo inflessibile i ragazzi per i prati, c’è chi sogna di schedare tutti essendo invidioso dei fascisti che l’ hanno preceduto quando c’era ordine e legge a provvedere alla bisogna, tutto naturalmente a vantaggio del popolo bue.

E l’ informazione TV? E la… TV è tropicajae’ 

 
Mario Marzano 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE