fbpx

Arriva la ‘bollinatura’ della Ragioneria generale per il decreto di agosto

Economia e Finanza

Il testo, di 115 articoli, passa ora alla firma del presidente della Repubblica. Tra le novità, la contro garanzia dello Stato nel caso dovessero saltare, per l’emergenza Covid, i mondiali di sci di Cortina 2021, misure “a sostegno dello Sviluppo e dell’occupazione” dell’Arsenale militare di Taranto e 20 milioni in più per il servizio civile 

 Mef, ministero economia e finanzae, piazza delle Finanze. Fiannze, finanziaria, economia, soldi pubblici

La Ragioneria generale dello Stato ha ‘bollinato’ il Decreto Agosto, che contiene misure per 25 miliardi per far fronte alla crisi innescata dalla pandemia. Nel testo definitivo il numero di articoli sale a 115. Tra le novità, la contro garanzia dello Stato nei confronti della Federazione Italiana Sport Invernali nel caso dovessero saltare per l’emergenza Covid i mondiali di sci di Cortina 2021, misure “a sostegno dello Sviluppo e dell’occupazione” dell’Arsenale militare di Taranto e poi 20 milioni di fondi in più per il servizio civile, oltre a misure ad hoc indirizzate agli studenti universitari fuori sede che per colpa della pandemia rischiano di perdere le borse di studio. Nel provvedimento restano, dopo le polemiche, i nuovi poteri Consob in caso di passaggi di partecipazione nei gestori di mercati regolamentati. 

Sul fronte del lavoro, vengono confermate le settimane aggiuntive di Cig, come anche il blocco dei licenziamenti, con le imprese potranno licenziare solo al termine della cassa Covid, prorogata di 18 settimane, o dei 4 mesi di sgravi contributivi alternativi. Inoltre, nella relazione tecnica che accompagna il dl viene spiegato che i già previsti sgravi contributivi di sei mesi al 100% per neoassunti e trasformazioni a tempo indeterminato puntano a ottenere “410.500 nuove assunzioni” da qui a fine anno.

E ancora: le tasse, i contributi, le ritenute e l’Iva sospesi per i mesi di marzo, aprile, maggio potranno essere pagati per il 50%, senza applicazione di sanzioni o interessi, in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateizzazione, fino a 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre. Il restante 50% potra’ essere corrisposto, senza sanzioni e interessi, con una rateizzazione per un massimo di 24 rate mensili di pari importo. Previsto anche lo stop alla riscossione delle cartelle fino al 15 ottobre. Sospese nel 2020 anche Tosap e Cosap per l’occupazione degli spazi pubblici.

Nuova tranche, poi, del reddito d’emergenza con una quota una tantum, da 400 a 800 euro, e la possibilità di domanda all’Inps fino al 15 ottobre. Arriva anche un Fondo per la formazione delle casalinghe da 3 milioni l’anno a partire dal 2020. Resta la dote di 600 milioni per sostenere la ristorazione italiana, con il contributo a fondo perduto per gli acquisti 100% made in Italy, di cui potranno usufruire 125.000 imprese che valorizzeranno “la materia prima del territorio”. 

La sanatoria per le spiagge e i fondi per la sanità

Presente anche la sanatoria per le concessioni spiagge: bar, chioschi, ristoranti, e tutti quegli immobili con destinazione commerciale che, in quanto ritenuti di difficile rimozione, al termine del primo periodo di concessione sono stati acquisiti al pubblico demanio dello Stato, potranno chiudere i contenziosi saldando solo il 30% del dovuto in un’unica soluzione o pagando il 60% rateizzato fino a un massimo di 6 anni. Nel corposo capitolo ‘sanitario’ restano i fondi per smaltire le liste d’attesa delle attività che sono state rimandate a causa del Covid. Anche a fronte del maggiore impegno del personale sanitario, sono stati più che triplicati i fondi per il bonus babysitter dedicato alla categoria, che ora vale oltre 236 milioni di euro. 

Per Consob nuovi poteri sugli azionisti di Borsa

Confermati anche i nuovi poteri previsti per Consob in caso di passaggi di partecipazione nei gestori di mercati regolamentati. L’articolato prevede che chiunque intenda acquisire o cedere quote del 10, 20, 30, 40 o 50% o il controllo del gestore del mercato o della società che lo controlla dia comunicazione preventiva alla Consob. La Commissione potrà valutare anche la qualità del potenziale acquirente e la solidità finanziaria del progetto di acquisizione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE