fbpx

Bari – Da oggi Romairone e Auteri al lavoro per costruire il nuovo Bari senza rivoluzioni

Sport & Motori

Dopo l’ufficialità di Romairone ecco quella di Gaetano Auteri, un allenatore che si lega al Bari con due anni di ritardo perché lo stesso era stato prescelto per guidare il Bari nel primo anno dei De Laurentiis in D, ma Auteri si era già legato al Catanzaro e, pertanto, non se ne fece nulla sicché le mire virarono verso Giovanni Cornacchini che vinse il campionato a mani basse. Poi il tecnico marchigiano lo scorso anno fu sostituito da Vincenzo Vivarini dopo cinque gare dall’andamento altalenante, troppo per gli obiettivi societari.

Ma nonostante la società abbia virato su Auteri c’è il problema del vincolo di Vivarini. L’allenatore abruzzese, infatti, è legato ancora ad un anno di contratto col Bari e, pertanto, non si può ancora presentare alla stampa e alla città Auteri. C’è la volontà e la speranza di risolvere bonariamente il contratto con Vivarini così da lasciarlo libero di accasarsi altrove e da rendere ufficiale l’avvento di Auteri che, ripetiamo, comunque è a tutti gli effetti il nuovo allenatore del Bari.

L’accodo è stato raggiunto con un contratto biennale, bisognerà solo capire se saranno due anni senza condizioni oppure si legherà al Bari fino al 2021 così da vincolarsi anche in caso di promozione in serie B.

Insieme a Romairone, l’allenatore siciliano è atteso da un super lavoro. Il limite dei 22 giocatori costringerà la società barese ad effettuare scelte precise cercando di evitare pericolose rivoluzioni,ma soprattutto cercando di non sbagliare nulla. Il Bari, all’attualità, ha ben 24 giocatori contrattualizzati, e comunque potrebbe iscrivere tutti i giocatori approfittando della deroga prevista dalla norma, ma ciò implicherebbe il non poter effettuare il mercato, eventualità che il Bari non può permettersi dal momento che l’organico andrà costruito in base alle esigenze di Auteri. Per questo occorrerà iniziare con le cessioni, cercando di valutare possibilmente, senza errori, quali sono i giocatori di cui disfarsi e quali quelli da confermare. E’ facile, a questo punto, che qualche giocatore di esperienza possa essere tagliato.

Come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, i vari Perrotta, Schiavone, Scavone, Costa e Sabbione, che potrebbero giocare tranquillamente in serie B, potrebbero essere ceduti per essere rimpiazzati da altrettanti giocatori più indispensabili al progetto. Anche la conferma di Antenucci, a questo punto, potrebbe essere messa in dubbio. Infatti, per il bomber che ha vinto al classifica dei cannonieri, occorrerà capire dove e come potrebbe essere collocato nel modulo di Auteri, e se non dovesse essere funzionale, non si esclude una sua partenza nonostante il suo attaccamento al Bari senza dimenticare il suo vincolo fino al 2022. Anche Simeri non ha il posto sicuro che, tuttavia, potrebbe allungare il vincolo fino al 2023.

Occorrerà capire come vuole impostare il gioco Auteri, e dal momento che, come è noto, lo stesso tecnico preferisce il 3-4-3, è facile che come prima cosa bisognerà dotarsi di ali deste e sinistre, quelli che oggi vanno sotto il nome di esterni alti, almeno quattro, due titolari e due ricambi anche perché, al momento, il Bari, escluso Neglia, non ne ha in rosa, anche se pure per questo giocatore bisognerà capire se può far parte del progetto. Bisogna però fare in fretta perché il mercato non attende e le concorrenti si stanno già rinforzando.

In mattinata, intanto, è prevista una conferenza stampa dove verrà presentato il nuovo DS Giancarlo Romairone.

 

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE