fbpx

“La Sicilia non può continuare a subire questa invasione di migranti”, Musumeci chiude gli hotspot

Politica italiana

Emergenza migranti, Musumeci non ci sta e annuncia la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza in Sicilia: ‘Non possiamo continuare a subire l’invasione’. Il Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci interviene a gamba tesa sull’emergenza migranti annunciando la chiusura di tutti gli hotspot e di tutti i centri di accoglienza sul territorio regionale. E ovviammente senza risparmiare un attacco al governo.

Emergenza migranti, Musumeci chiude gli hotspot della Sicilia Dopo settimane complicate e alla luce dei nuovi sbarchi sul territorio siciliano, Nello Musumeci ha annunciato un’ordinanza per la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza della Sicilia. Il presidente della Regione ha richiesto l’attivazione di un ponte aereo per liberare la Sicilia dalle”vergognose strutture“. “La Sicilia non può continuare a subire questa invasione di migranti. Tra poche ore sarà sul mio tavolo l’ordinanza con cui dispongo lo sgombero di tutti gli hotspot e dei Centri di accoglienza esistenti. Si attivi un ponte-aereo immediatamente e si liberi la Sicilia da queste vergognose strutture, iniziando da Lampedusa”.

 “Il governo ha deciso di non chiudere i porti e non attuare i decreti vigenti” Non manca ovviamente un attacco anche al governo, accusato di aver sottovalutato il problema contribuendo all’acuirsi di una situazione emergenziale. “Le regole europee e nazionali sono state stracciate. L’Europa fa finta di niente e il governo nazionale ha deciso – malgrado i nostri appelli – di non attuare i decreti vigenti e di non chiudere i porti, come invece ha fatto lo scorso anno con il decreto interministeriale Interno-Difesa-Trasporti- dice -C’è una colpevole sottovalutazione del fenomeno senza precedenti. E non capiscono quanto stia crescendo la tensione. Vogliono far diventare razzisti i siciliani, che sono il popolo più accogliente di tutto il mondo? Adesso se vogliono a Roma impugnino pure la mia ordinanza. Basta: abbiamo avuto fin troppo rispetto istituzionale su questa emergenza, ricambiato da silenzi, indifferenza e omissioni”. Musumeci fa evidentemente riferimento a quei decreti Sicurezza partoriti dal primo governo Conte e che ora l’esecutivo giallorosso vuole modificare in maniera anche sostanziale rispetto alla formulazione attuale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE