fbpx

Malore in diretta, ricoverato il candidato governatore del Veneto

Politica italiana e internazionale

Malore in diretta, ricoverato il candidato governatore del Veneto

 Lorenzoni (centrosinistra) rassicura tutti. Solidarietà bipartisan 

Medici, coronavirus

AGI – E’ stato ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Padova, Arturo Lorenzoni. Il candidato del centrosinistra alla presidenza del Veneto è risultato positivo al coronavirus due giorni fa.

Oggi Lorenzoni ha partecipato, in collegamento da casa, alla conferenza stampa a suo sostegno, con il ministro Boccia e con il sottosegretario Baretta. Al termine dell’incontro, però, ha avuto un leggero mancamento causato dallo stress e da un calo di pressione ed è stato trasportato da un’ambulanza al Pronto Soccorso di Padova. 

Una volta in ospedale, è stato lo stesso candidato a spiegare: “Ho avuto oggi un calo di pressione legato alla presenza del coronavirus. I medici hanno ritenuto opportuno ricoverarmi nel reparto di Malattie infettive per procedere con vari accertamenti. L’ossigenazione è buona, la temperatura è scesa, e nelle prossime ore si procederà con una serie di controlli per escludere ogni altra complicazione”. 

Lorenzoni, che è stato vicesindaco di Padova per tre anni, insegna Economia dell’Energia ed Electricity Market Economics alla Scuola di Ingegneria Industriale dell’Universita’ di Padova. Sono tanti i messaggi di auguri arrivati oggi e negli scorsi giorni.

Il suo rivale e governatore uscente, Luca Zaia, ha annunciato l’intenzione di rinunciare agli spazi tv. Anche il leader della Lega, Matteo Salvini, gli ha mandato gli auguri per una pronta guarigione.

Oggi, dopo l’incontro, Boccia ha fatto sentire a Lorenzoni tutta la sua vicinanza: “Ho appena sentito Arturo Lorenzoni al telefono, sta facendo gli accertamenti che si fanno in questi casi. Forza Arturo! Grazie per la tua generosità con la quale hai voluto anche stamattina testimoniare il tuo legame al Veneto e alla tua comunità politica. Il Pd è con te e accanto a te”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE