fbpx

Locali di intrattenimento sono destinati ad estinguersi

Cronaca

Unici contagi si sono verificati stranamente solo al Billionaire, forse hanno voluto colpire Briatore?”

Discoteche, Pasca (pres. Silb): “Se non fosse stata data delega alle Regioni, le discoteche non avrebbero riaperto, quindi è indubbio che lo ha voluto anche il premier. L’85% dei locali resterà chiuso almeno fino al 7 ottobre e non si sa quando potrà riaprire, se il governo non interverrà queste attività sono destinate ad estinguersi. Dal ministro Patuanelli finora soltanto parole, di fatti non ne abbiamo visti. Finora il governo per noi non ha speso un euro, siamo stati maltrattati per mesi sui media come se fossimo noi gli untori. Gli unici contagi ci sono stati nella discoteca di Briatore, nelle altre discoteche non si è verificato nessun contagio, questo è strano, forse hanno voluto colpire Briatore? Il danno causato dal 23 febbraio ad oggi alle discoteche è quantificato in circa 400-500 milioni di euro. Se i locali non riapriranno le persone andranno a cercare divertimento luoghi completamente abusivi, improvvisati e non controllabili”

Maurizio Pasca, presidente del Sindacato Italiano Locali da Ballo che rappresenta centinaia di discoteche e locali notturni in tutto il Paese, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Mattina con noi” condotta da Emanuela Valente su Cusano Italia Tv

Sulla riapertura delle discoteche. “La riapertura l’ha decisa il Presidente del Consiglio, dando delega ai governatori regionali –ha affermato Pasca-. Se non fosse stata data delega alle Regioni, le discoteche non avrebbero riaperto, quindi è indubbio che lo ha voluto anche il premier. Voglio comunque precisare che con la delega data alle Regioni, ha riaperto soltanto il 15% delle attività di intrattenimento, quelle all’aperto. Il restante 85% con grande senso di responsabilità è chiuso dal 23 febbraio, adesso il governo ha posticipato la chiusura fino al 7 ottobre e ancora non sappiamo quando si potrà riaprire. Se il governo non interverrà immediatamente, questi locali sono ovviamente destinati ad estinguersi. Il ministro Patuanelli ha convocato un tavolo delle trattative per un ristoro economico delle discoteche che sono state chiuse dal 17 agosto al 7 settembre, quel tavolo ha ritenuto opportuno sospenderlo, in quanto il Silb aveva fatto ricorso al Tar, che ha rinviato a data da destinarsi la discussione del ricorso, con cui chiediamo un ristoro economico per il danno subito per quel periodo di chiusura. Nell’ultimo periodo ci siamo scambiati dei messaggi con Patuanelli, che reputo un ministro valido e disponibile, ma finora ci sono state soltanto parole, di fatti non ne abbiamo visti. Finora il governo per noi non ha speso un euro, siamo stati maltrattati per mesi sui media come se fossimo noi gli untori. Gli unici contagi ci sono stati nella discoteca di Briatore, nelle altre discoteche non si è verificato nessun contagio, questo è strano, forse hanno voluto colpire Briatore? Questo è un punto interrogativo.

Il danno causato dal 23 febbraio ad oggi alle discoteche è quantificato in circa 400-500 milioni di euro. Il 30% dei locali ha già chiuso. Se i locali non riapriranno dove andranno a cercare divertimento le persone che li frequentavano? Certamente lo faranno in luoghi completamente abusivi, improvvisati e non controllabili. A questo punto sarebbe meglio tenere le discoteche aperte e farle stare nei nostri locali che sono dei luoghi sicuri e controllati”.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE