fbpx

Addio a Rossana Rossanda, la fondatrice del ‘Manifesto’

Cronaca

“E’ morta nella notte a Roma la nostra Rossana Rossanda. Aveva 96 anni. Ricorderemo la nostra fondatrice sul giornale in edicola martedi’”. Cosi’ la redazione de Il Manifesto annuncia la scomparsa della fondatrice del quotidiano.

E’ morta nella notte Rossana Rossanda. Ad annunciarlo con un tweet Il Manifesto, quotidiano da lei co-fondato. “E’ morta nella notte a Roma la nostra Rossana Rossanda – si legge – Aveva 96 anni. Ricorderemo la nostra fondatrice sul giornale in edicola martedì”. Nata a Pola il 23 aprile 1924, è stata giornalista, scrittrice e dirigente del Pci negli anni Cinquanta e Sessanta. 

Rossana Rossanda nacque il 23 aprile 1924 a Pola. Crebbe a Milano, dove tra il 1937 e il 1940 frequento’ il liceo classico Alessandro Manzoni, anticipando d’un anno l’esame di maturita’. Iscrittasi poi alla facolta’ di filosofia della Statale, fu allieva del filosofo italiano Antonio Banfi. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, partecipo’ giovanissima alla Resistenza e, al termine del conflitto, s’iscrisse al Partito Comunista Italiano. In breve tempo venne nominata da Palmiro Togliatti responsabile della politica culturale del PCI. Nel 1963 venne eletta per la prima volta alla Camera dei deputati. Esponente di spicco dell’ala di sinistra interna maggiormente movimentista del PCI, nel 1968, proprio nel bel mezzo delle dirompenti agitazioni studentesche ed operaie, pubblico’ un piccolo saggio, intitolato L’anno degli studenti, in cui esprimeva la sua adesione alle rivendicazioni che gruppi e collettivi di sinistra – anche all’infuori dei circuiti del PCI – stavano portando avanti. Fortemente critica nei confronti del socialismo reale dell’Unione Sovietica e dei paesi del Blocco Orientale, assieme ai compagni della corrente ingraiana Luigi Pintor, Valentino Parlato e Lucio Magri contribui’ alla nascita del giornale il manifesto, da cui prese forma anche una distinta corrente critica nel firmamento politico del PCI. Rossanda venne radiata dal partito insieme con la sua corrente – e nonostante il parere contrario del futuro segretario nazionale Enrico Berlinguer – durante il XII Congresso nazionale del Partito a Bologna nel 1969.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE