fbpx

Oggi e’ la giornata dell’ Alzheimer

Cronaca

Dunque  con questo articolo oltre a ricordare ai lettori che esiste questa gravissima malattia che in linea di massima è dovuta a un fatto positivo l’allungamento della vita media dei cittadini  e dal fatto negativo che il progresso scientifico non è arrivato a trovare una cura certa per questo tipo di malattia altamente invalidante che è causata da un’alterazione neuro vegetativa molto importante, che in seguito quando si aggrava può impegnare le famiglie allo spasimo, anche quando l’assistenza socio – sanitaria pubblica risulta efficiente.

A questo  punto vi sono due problemi da risolvere, il primo è quello del rafforzamento dell’ assistenza oltre che a per i malati,  alle famiglie che  li accudiscono, soprattutto quando per un motivo o l’ altro esse non sono coese per affrontare questo grave compito.L’ altro sull’ assistenza  a chi si occupa di ricerca scientifica in questo difficile campo che non deve essere demandato solo ai privati, anche perchè questo tipo di patologia non ha nulla a che vedere con quella tumorale dove come è noto non esiste un solo tipo di tumore, ma innumerevoli tipi di  tumori, quindi la ricerca per questi importanti motivi è assai difficile, anche se bisogna dire enormi progressi si sono fatti , ma che ancora si devono fare in futuro per vincere la battaglia contro essi, che non dimentichiamo possono colpire persino i bambini.

Invece per  quanto riguarda l’ ALZHEIMER essendo un unico tipo di malattia la ricerca in teoria avrebbe dovuto essere relativamente più facile, ma ripeto oltre che all’intervento lodevole dei privati ci sarebbe bisogno di un più deciso intervento della mano pubblica; anche perchè come ho accennato in precedenza , il problema di questa terribile malattia investe in particolare noi italiani che per fortuna siamo tra i più longevi al mondo, ma se molti nostri anziani  anche in futuro dovrebbero passare gli ultimi anni in queste disastrose condizioni, non è un vantaggio per alcuno.

Mario Marzano  
 
 
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE