fbpx

Argentina, scandalo a luci rosse in Aula: deputato bacia la compagna sul seno scoperto, le immagini finiscono sul maxi-schermo

Estero

Argentina, deputato bacia la compagna sul seno durante una seduta in videoconferenza alla Camera. Le immagini finiscono in rete e diventano virali.

Argentina, parlamentare bacia la compagna sul seno scoperto durante la seduta e le immagini finiscono sul maxi-schermo, diventando poi virali sulla rete. Il deputato della Camera ha rassegnato le dimissioni in seguito alle polemiche.

Argentina, deputato bacia la compagna sul seno alla Camera

Il caso è avvenuto in Argentina durante una seduta in videoconferenza alla Camera, quando il deputato ha abbracciato la sua compagna, le ha scoperto il seno e l’ha baciata. La scena è stata ripresa dalle telecamere ed è stata trasmessa sul maxi-schermo. E ovviamente hanno fatto anche il giro della rete.

“Non ho avuto in alcun modo l’intenzione di mancare di rispetto a questa onorevole Camera”

La seduta, di fronte alle eccessive effusioni, è stata immediatamente interrotta e il parlamentare è stato sospeso. Il 47enne protagonista della vicenda si è giustificato dichiarando di non essere consapevole di essere ripreso. Una giustificazione parziale di fronte a un gesto considerato poco appropriato al contesto.

“Non ho avuto in alcun modo l’intenzione di mancare di rispetto a questa onorevole Camera e ai miei colleghi deputati e deputate, né al popolo di Salta che mi ha eletto. Cosciente della responsabilità che la mia carica rappresenta, pongo a disposizione la mia rinuncia al mandato di deputato nazionale”, ha dichiarato il deputato.

 

Le dichiarazioni del Presidente del Parlamento

Durante questi mesi di telelavoro abbiamo vissuto situazioni molto diverse. Un deputato si è addormentato, un altro si è nascosto, ma oggi abbiamo assistito ad una situazione che supera le regole di decoro di questa casa“, ha dichiarato il Presidente del Parlamento come riferito da Sky TG24.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE