fbpx

Il mercato del Bari – Montalto e Citro i nuovi volti. Hamlili rimane a Bari

Sport & Motori

Foto: Ternana News

Finale con due botti quello del mercato per il Bari. Nicola Citro del Frosinone e Adriano Montalto della Cremonese, due attaccanti, sono i nuovi giocatori del Bari. Entrambi hanno firmato un contratto biennale e vanno a rinforzare il reparto dell’attacco tanto richiesto da Auteri. Il primo non è esattamente un centravanti ma può anche spaziare sull’esterno, è dotato di velocità ed è abile nell’uno contro uno tanto che a Trapani e a Frosinone ha lasciato il segno. Montalto, invece, è un centravanti a pieno titolo che dà potenza, fisicità ed abilità nel gioco aereo. Sarà, dunque, il terzo con Antenicci e Simeri, tre maglie per un posto dal momento che il gioco di Auteri prevede un solo centravanti lì davanti, mentre Citro se la dovrà vedere con Marras, D’Ursi e la mina vagante Candellone che, pur nascendo centravanti, Auteri lo fa giocare come ala.

E allora si può dire che Auteri è stato accontentato perché i giocatori che ha ottenuto sono funzionali al suo progetto, certo Montalto non è che sia uno dei migliori goleador d’Italia, ma sicuramente in serie C potrà dire la sua in termini di esperienza e di peso anche perché occorrerà, quando ne capiterà l’occasione, sostituire Antenucci e Simeri e poi chissà che da lì non lo leverà nessuno, il calcio è strano ed imprevedibile.

Citro anche, non è che sia un goleador, anche perché nessuna squadra si priva di calciatori dal gol facile, tuttavia è un’ottima scelta perché è funzionale al progetto, è bravo e va ad irrobustire le ali, in effetti carenti.

Dunque, adesso il mosaico è composto anche se, forse, sarebbe stato meglio dotarsi di un vice D’Orazio e di un quinto centrocampista dal momento che sarà difficile, superato il numero di 25 elementi, che Hamlili rimanga nella rosa, più facile che rimanga Esposito che, a questo punto, si potrà giocare le sue carte in difesa. 

Palla ad Auteri, dunque, che dovrà gestire un torneo lungo e faticoso con tappe ravvicinate e gli uomini non gli mancano di certo.

Naturalmente possiamo fare tutte le considerazioni possibili, tutte legittime e rispettabili, ma è appena il caso di affermare che l’unico giudice supremo sarà il campo. Ogni critica, adesso, sarà ingenerosa e fuori luogo. Perché a Bari se non si comprano Ronaldo o Messi non si è contenti. Eppure, secondo noi, troverebbero modo di criticare anche questi due.

Benvenuti a Bari, dunque, e in bocca al lupo a Gaetano Auteri, un unico obiettivo lo aspetta.

 

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE