fbpx

“L’aumento dei contagi è l’effetto del ritorno a scuola”, dice Crisanti

Cronaca

Per l’esperto, “il sistema scricchiola. Bisogna far sì che studenti e insegnanti di zone in cui ci sono contagi non mettano piede nelle aule”. 

© KARL-JOSEF HILDENBRAND / DPA / DPA PICTURE-ALLIANCE VIA AFP – Scuola, coronavirus

AGI – La risalita della curva dei contagi è legato “alla riapertura delle scuole, bisogna agire lì”. Lo ha affermato Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia all’Universita’ di Padova, intervenendo a SkyTg24. “Il problema è che il sistema messo a punto per proteggere gli studenti e la società scricchiola – ha detto Crisanti – La scuola favorisce la socializzazione dei ragazzi: nel momento in cui escono, tutte le misure pensate per l’interno non valgono a nulla”.

A scuola – ha detto Crisanti – bisogna non far entrare i potenzialmente positivi: bisogna abbassare la soglia della temperatura e far si’ che studenti e insegnanti di zone in cui ci sono contagi non mettano piede nelle aule. Noi creiamo all’interno delle scuole un ambiente che favorisce sia la trasmissione del virus sia la socializzazione”. 

“L’obbligo di mascherina all’aperto non risolve il problema. Sicuramente protegge e io la uso sempre ma se attraversi la strada da solo e intorno a te non c’è nessuno, diventa difficilmente comprensibile”. Lo ha affermato il virologo Andrea Crisanti a SkyTg24, spiegando di “non credere nelle misure restrittive: come si puo’ pensare di fare le multe a migliaia di ragazzini che si assembrano fuori dalle scuole?”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE