fbpx

Istruzione: differenze significative nelle retribuzioni degli insegnanti in Europa

Arte, Cultura & Società

 

BRUXELLES – In occasione della Giornata mondiale degli insegnanti, la rete Eurydice della Commissione europea ha pubblicato la sua relazione annuale sulle retribuzioni degli insegnanti.
Gli stipendi degli insegnanti costituiscono la maggior parte degli investimenti pubblici nell’istruzione, ma sono anche un elemento chiave per attirare i laureati più qualificati verso la professione e per incentivarli a restare. La relazione rivela differenze significative nelle retribuzioni degli insegnanti in Europa, solitamente connesse al tenore di vita nei rispettivi paesi.
Le differenze riguardano non soltanto lo stipendio iniziale, ma anche gli aumenti di stipendio durante tutta la carriera professionale.
Gli stipendi iniziali legali – lordi – possono andare da circa 5.000 a più di 80.000 euro all’anno, a seconda del Paese.
Differenze significative vengono rilevate anche nell’importo e nei tempi degli aumenti salariali legati alla durata del servizio: il numero medio di anni necessari per raggiungere il massimo della fascia salariale va da 6 anni nel Regno Unito (Scozia) ai 42 anni dell’Ungheria. In Irlanda, Paesi Bassi e Polonia, gli stipendi iniziali degli insegnanti possono aumentare di oltre il 60% nei primi quindici anni di servizio, e ancor di più negli anni successivi.
Nel 2018/19, gli insegnanti hanno visto aumentare i loro stipendi nella maggior parte dei sistemi educativi, ma si è trattato di aumenti generalmente modesti o indicizzati all’inflazione nella maggior parte dei casi. Discorso a parte per Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Ungheria, Romania e Slovacchia che, nel percorso avviato per migliorare gli stipendi degli insegnanti, hanno visto crescere gli stipendi in modo maggiore.
Il livello salariale effettivo è fortemente correlato al PIL pro capite del paese, cioè maggiore è il PIL pro capite, maggiore è lo stipendio medio annuo.
“Gli insegnanti e i dirigenti scolastici svolgono un ruolo chiave nella società, perché aiutano i bambini e i giovani a sviluppare il loro potenziale, spesso anche in situazioni difficili”, ricorda Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani. “In occasione della Giornata mondiale degli insegnanti, dobbiamo ricordarci che il loro impegno e la loro motivazione hanno aiutato i bambini e le famiglie ad affrontare le sfide della crisi del coronavirus. La retribuzione e le prospettive di carriera degli insegnanti dovrebbero essere parte integrante delle politiche volte ad attrarre e a trattenere gli insegnanti più qualificati”.
La Commissione ha recentemente presentato la sua visione per l’istituzione di uno spazio europeo dell’istruzione entro il 2025, che mette gli insegnanti e i formatori al centro della politica dell’istruzione. La relazione di Eurydice riguarda gli stipendi degli insegnanti e dei dirigenti scolastici degli asili nido e delle scuole primarie e secondarie pubbliche nel 2018-19, in 42 sistemi d’istruzione europei.
La relazione di Eurydice è disponibile qui 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE