fbpx

Impennata di nuovi casi in Italia: 3.678 contagi, mille più di ieri

Cronaca

I dati sono relativi a 125 mila tamponi effettuati. Il maggior numero di positivi in Campania (544), Lombardia (520), Veneto (375), Lazio (357), Toscana (300), Piemonte (287). I decessi sono 31. Sale la pressione sui reparti di terapie intensive: 18 ricoverati più di ieri.

Coronavirus, ospedale italiano

AGI – Nuovo sensibile aumento per i contagi da Covid nel nostro Paese: secondo l’ultimo bollettino del ministero della Salute, sono 3.678 a fronte dei 2.677 di ieri. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 31, a fronte dei 28 di ieri. Nuovo record anche per i tamponi: 125.314. Il totale dei casi sale a 333.940, i nuovi contagi non erano cosi numerosi dal 16 aprile: il maggior numero in Campania (544), Lombardia (520), Veneto (375), Lazio (357), Toscana (300), Piemonte (287).

I 31 decessi sono distribuiti tra Lazio (6), Lombardia (5), Sicilia (4), Sardegna (3), Piemonte (2), Toscana (2), Veneto (2), Liguria (2), Basilicata (2), Emilia Romagna (1), Campania (1) e Abruzzo (1). Il numero totale delle vittime cresce a 36.061. Gli attualmente positivi sono 62.576 (+2.442), i guariti 235.303 (+1.204). Sale la pressione sulle strutture ospedaliere: in terapia intensiva ci sono 337 pazienti (18 in piu di ieri), i ricoverati con sintomi sono diventati 3.782 (157 in piu’).

“Siamo in una stagione che nessuno poteva immaginare. Ora i numeri ci dicono in maniera molto chiara che siamo dentro una sfida enorme nel mondo, in Europa e nel nostro Paese, e dobbiamo ragionare su come affrontarla e provare a vincerla. La situazione è seria, delicata e ancora ci vede pienamente in battaglia”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenendo al congresso della Fimmg a Villasimius, dove e’ stato accolto in sala da un lungo applauso.

“In cdm – ha ricordato – abbiamo prorogato lo stato di emergenza al 21 gennaio, abbiamo dato dopo mesi un cambio di tendenza alle misure. Dal 4 maggio si tendeva di volta in volta ad allargare le possibilità di libertà e di maggiore normalità. Con questo provvedimento segniamo un cambio, non ordinanze per allargare ma che cominciano a dire attenzione, la situazione e’ seria”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE