fbpx

Belgio, cristiani e musulmani: conoscersi e rispettarsi

Oltre Tevere

Una dichiarazione comune dopo l’attentato terroristico di giovedì scorso a Nizza vede cristiani e musulmani del Belgio, uniti nel rilanciare la solidarietà e il loro desiderio di incontrarsi, per imparare a conoscersi meglio, parlarsi, ascoltarsi

Tiziana Campisi – CIttà del Vaticano

“Non si può uccidere qualcuno in nome di Dio!”.Lo hanno affermato oggi a Bruxelles, in Belgio, monsignor Jean Kockerols, vescovo ausiliare della diocesi, e Mohamed Belabed, consigliere della Federazione delle moschee di Bruxelles, che si sono incontrati nella cattedrale di Saints-Michel-et -Gudule per diffondere una dichiarazione comune in seguito all’attentato terroristico di giovedì scorso nella cattedrale di Notre Dame a Nizza in cui sono rimaste uccise tre persone.

Nei giorni scorsi la comunità musulmana belga ha voluto esprimere la propria solidarietà a cattolici e cristiani. Monsignor Kockerols e Mohamed Belabed, riferisce il portale della Chiesa belga, hanno ricordato l’importanza del rispetto reciproco, qualunque sia il credo di ciascuno, quindi hanno ribadito: “Crediamo in un Dio della vita, un Dio del quale persona umana è la più bella delle sue creature”. Nella dichiarazione comune cristiani e musulmani esortano i leader religiosi a reagire e rinnovano il desiderio di incontrarsi, per imparare a conoscersi meglio, parlarsi, ascoltarsi.

Lavorare insieme per la felicità di tutti

“Cristiani e musulmani vogliono riaffermare insieme il loro desiderio di essere responsabili nelle città e nel mondo (…), di essere cittadini che lavorano per la felicità di tutti, in pace e per la pace” si legge nella dichiarazione. Infine cristiani e musulmani dichiarano di voler “adottare la cultura del dialogo come cammino, la collaborazione comune come condotta, la conoscenza reciproca come metodo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE