fbpx

Pompeo in India sigla accordi militari in chiave anti-cinese

Estero

Di euronews

 
Pompeo in India sigla accordi militari in chiave anti-cinese
Diritti d’autore  AFP
 

Andare là dove la Cina è sempre più influente e stringere relazioni strategiche. Con questo scopo il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha iniziato un viaggio di 5 giorni in Asia.

India la prima tappa. Qui è stato siglato un accordo militare per lo scambio di dati via satellite per garantire, tra l’altro, a missili e droni di New Delhi una maggior precisione. L’accordo si chiama Beca (Basic Exchange and Cooperation Agreement) ed è una tappa storica nelle relazioni tra i due Paesi o “Un significativo progresso”, come l’ha definito il ministro della difesa indiano. “Altri progetti sono in corso per un comune sviluppo dell’equipaggiamento difensivo”, ha aggiunto il ministro.

 
 

“Sulla base di valori condivisi e interessi comuni, siamo fianco a fianco a sostegno di un’area Indo-Pacifica libera e aperta a tutti. Soprattutto alla luce della crescente aggressività e delle attività destabilizzanti della Cina”, ha detto Mark Esper, Segretario alla Difesa degli Stati Uniti. Parole chiare che, a pochi giorni dal voto per la Casa bianca, rilanciano la linea dura del presidente Donald Trump contro il celeste impero.

Pompeo ha fatto sapere (col tweet accanto) di essere ottimista rispetto alle relazioni future USA-India dopo aver partecipato col collega delegato alla difesa e i due omologhi indiani al 2+2 USA-India.

Il partito comunista cinese non è un amico della democrazia, dello Stato di diritto, della trasparenza e della libertà di navigazione
Mike Pompeo 
segretario di Stato americano

Ma ovviamente il convitato di pietra era Pechino. Mike Pompeo ha comunicato che ci sono state “discussioni solide sul Partito comunista cinese”, che “non è amico della democrazia, dello Stato di diritto, della trasparenza e della libertà di navigazione”.

Mike Pompeo ha anche lanciato un appello ad Armenia ed Azerbaigian: che rispettino il cessate il fuoco annunciato domenica e già violato, ripresi gli scontri per il controllo della regione del Nagorno Karabakh.

Prossime tappe del viaggio di Pompeo, Sri Lanka e Maldive, Paesi in cui la Cina, come d’altronde in quasi tutto il sud-est asiatico, è arrivata massicciamente con investimenti in diversi settori, in primis commercio ed edilizia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE