fbpx

L’olio inspiegabile per Massimo Giletti

Cronaca

Massimo Giletti, conduttore di “Non è l’arena”, domenica scorsa si è occupato di problemi gravi, della pandemia, della condizione di molti ospedali, delle proteste di coloro che si sono trovati in serie difficoltà economiche, e poi ha dedicato l’ultima parte della trasmissione ad un argomento frivolo. Al “santone” di Ascoli che affermava di vedere la Madonna e sudava olio dalle mani. Giletti però sembrava prendere sul serio questa faccenda dell’olio sulle mani del giovanotto, e sul crocifisso. Non se lo spiegava, l’olio, e non si spiegava la guarigione di una donna grazie a quell’olio. Ma di che olio si trattava? Questo non se l’è domandato. Olio extravergine d’oliva, olio di semi di girasole, d’arachidi,  olio di ricino? Oppure olio di vaselina? Insomma, di che tipo di olio si occuperebbe la Madonna? Quando era in terra si occupava del vino, ma a giusta ragione, giacché ai commensali durante le nozze di Cana, il vino venne a mancare. Adesso, dal cielo, si occuperebbe di olio. Ma a chi manca l’olio?
Parlando seriamente, vorrei dire a Giletti e tutti coloro che credono a queste baggianate: il fatto che non sappiamo spiegarci un fenomeno, non ci autorizza nella maniera più assoluta a ritenerlo soprannaturale. L’ho ripetuto più volte (invano purtroppo) nei miei libri.
Renato Pierri

L’olio inspiegabile per Massimo Giletti
Massimo Giletti, conduttore di “Non è l’arena”, domenica scorsa si è occupato di problemi gravi, della pandemia, della condizione di molti ospedali, delle proteste di coloro che si sono trovati in serie difficoltà economiche, e poi ha dedicato l’ultima parte della trasmissione ad un argomento frivolo. Al “santone” di Ascoli che affermava di vedere la Madonna e sudava olio dalle mani. Giletti però sembrava prendere sul serio questa faccenda dell’olio sulle mani del giovanotto, e sul crocifisso. Non se lo spiegava, l’olio, e non si spiegava la guarigione di una donna grazie a quell’olio. Ma di che olio si trattava? Questo non se l’è domandato. Olio extravergine d’oliva, olio di semi di girasole, d’arachidi,  olio di ricino? Oppure olio di vaselina? Insomma, di che tipo di olio si occuperebbe la Madonna? Quando era in terra si occupava del vino, ma a giusta ragione, giacché ai commensali durante le nozze di Cana, il vino venne a mancare. Adesso, dal cielo, si occuperebbe di olio. Ma a chi manca l’olio?
Parlando seriamente, vorrei dire a Giletti e tutti coloro che credono a queste baggianate: il fatto che non sappiamo spiegarci un fenomeno, non ci autorizza nella maniera più assoluta a ritenerlo soprannaturale. L’ho ripetuto più volte (invano purtroppo) nei miei libri.

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE