fbpx

Stato Sanitario uber alles

Politica

di Roby Guerra
 

Dal marzo scorso il pericolo del virus è amplificato dalla presenza non solo in Italia di un evidente e orwelliano stato terapeutico, letterale, miscosciuto da politici, economisti, media e in primis CTS discutibili, nessun virologo o quasi (!), con una confusione sconcertante tra Politici e cosiddetti scienziati. Il Re è nudo, certamente una motivazione è il paradigma mentale dei vertici sanitari, meri scientisti senza talento psicosociale,  a parte i politici in sè da decenni non meritocratici, mediocri, e i Media che già quasi tutti totalitari anche prima del virus, amplificano il caos e il terrorismo sanitario: un lokdown totale con una iperbole proprio sui media  televisivi e cartacei soprattutto sarebbe un purificazione fondamentale, realisticamente nuovi codici deontologi sull’informazione sarebbero  necessari.

In questa seconda ondata un paradossale salto di qualità pro Stato Sanitario: come dal link sopraindicato, fautori di un nuovo lookdown generalizzato e suicidale sono ufficialmente gli esperti medici dell’Ordine (evidentemente medievali…) e inquisitori dell’Ordine dei Medici nazionale!

Tranquillamente, pur in genere consapevoli, di decenni di ritardi sanitari e penalizzazioni conclamate di ogni governo sulla Sanità, dimenticando che la Sanità è un diritto dei liberi cittadini (e senza mai nei decenni scorsi sollevato concretamente lo sfascio della sanità italiana)  trascendono il loro per carità importante gioco linguistico e competenza conoscitiva (almeno supposta…), invadono la Politica … appunto domandando a gran voce un nuovo Lookdown generalizzato.

Qua l’archetipo è infatti quello dell’inquisizione, sulla pelle dei cittadini, ignoranti evidentemente sulle conseguenze psicosociali di un nuovo lockdown e quelle stesse economiche.

La gente sarebbe destinata (o rischierebbe) ad uno stato di follia incombente, altro che rilancio e rinascita dell’economia!

Molte restrizioni, e le dovevano fare anche alla riapertura, legittimi e almeno compatibili con la libertà inalienabile: in nome del bene comune sono state fatte tutte le guerre! Una vecchia storia…

Invece dalle riaperture post prima ondata, non dovevano tutti i sedicenti esperti nell’ordine riaprire a/e dall’estero, le Regioni (a parte per le attività produttive), le Movide, il Campionato di Calcio, la Scuola: andava applicato il Rasoio di Ockam, puntare all’automazione semitotale per dove era già possibile, ipersemplificare, puntare ai sintomatici senza perdere tempo e risorse con i sedicenti asintomatici, rivoluzionre la sanità e  i trasporti, porsi come obiettivo a medio-lungo termine un minimo reddito universale, tranquillizzare la popolazione anzichè colpevolizzarla con uno stato di polizia, puntare al turismo  circoscritto e diversamente autarchico. (Regione per Regione circoscritto). 

E queste restrizioni almeno per quest’anno pandemico!

Inoltre, ora,  tale ufficiale presa di posizione dell’Ordine dei Medici (come tutti gli ordini in Italia, almeno contaminato da certo stile italico, non la meritocrazia come ogni vertice, ma amici degli amici degli amici, filtri politici, ecc.) è un insulto alle migliaia di medici e  infermieri “anonimi”  in prima linea negli ospedali…

In certo senso L’Ordine dei Medici  si arroga lo stesso ruolo attribuito al discutibile Riccardi già ad inizio pandemia, rappresentante italiano all’OMS confutato a suo tempo dallo stesso Ranieri Guerra https://www.ilgiornale.it/news/cronache/coronavirus-walter-ricciardi-non-dell-oms-1855880.html, semplice funzionario politico del Ministro Speranza e del governo , incredibilmente Ministro della Sanità con 3000 voti e del’estrema sinistra!

Ruolo che nonostante precisazioni dello stesso Ricciardi nei fatti , visto il suo tutt’oggi protagonismo (ed è un altro a favore del Lockdown in questa seconda ondata) sembra mediaticamente perpetrare…

Stato Sanitario uber alles (l’accentuazione tedesca non è casuale…), un secodo virus parallelo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE