fbpx

Università: Piccin (FI), bene nuovo corso laurea assistenza sanitaria

Friuli Venezia Giulia

 

TRIESTE –  “Si concretizza nell’arco di pochesettimane una proposta del gruppo consiliare regionale di Forza Italia, quella di istituire in Friuli Venezia Giulia un corso di laurea in assistenza sanitaria: esprimiamo soddisfazione per questo importante risultato, che permetterà di rafforzare la nostra sanità pubblica territoriale”.

Lo afferma in una nota la consigliera regionale di Forza Italia, Mara Piccin, dopo l’annuncio del vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ai rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil in merito all’attivazione di un corso di laurea triennale in assistenza sanitaria. Piccin era stata prima firmataria di un ordine del giorno che impegnava la Giunta
regionale ad attivarsi su questa proposta, relazionandosi con
università e istituzioni.

“La nostra sanità – osserva Piccin – ha bisogno di assistenti
sanitari che rimangano nelle strutture del Friuli Venezia Giulia.
Inoltre, si tratta di offrire agli studenti del Fvg un corso di
laurea con buone opportunità di sbocco lavorativo”.

“L’emergenza sanitaria legata alla pandemia Covid-19 – prosegue
la forzista – ha fatto emergere in tutta la sua importanza i
compiti della sanità pubblica territoriale, ruolo già posto in
primo piano nella riforma del sistema regionale della salute. La
maggioranza degli assistenti sanitari assunti nelle Aziende
sanitarie regionali risulta provenire dal Veneto o da altre
regioni d’Italia e queste figure professionali, dopo un periodo,
mosse soprattutto dal comprensibile obiettivo di inserirsi in una
sede lavorativa più vicina al proprio luogo di provenienza,
lasciano l’incarico conferitogli dai dipartimenti di Prevenzione
del Fvg dov’erano stati assunti e nei quali, di conseguenza, si
assiste a un costante ricambio di queste professionalità”.

“La presenza in Fvg di un corso di laurea in assistenza sanitaria
– conclude Piccin – rappresenterà un arricchimento per la nostra
sanità pubblica territoriale in termini di un più stabile
inserimento di queste professionalità, nonché un’opportunità di
sbocchi lavorativi sul territorio per molti studenti della nostra
regione”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE