fbpx

Mamma “carceriera” segrega il figlio per 28 anni: accusata di detenzione illecita

Estero

La casa degli orrori.   –   Diritti d’autore  Claudio Bresciani/AP

La polizia di Stoccolma, in Svezia, ha arrestato una donna di 70 anni sospettata di aver tenuto il figlio – con problemi psichici – rinchiuso nel loro appartamento di Haninge, periferia sud di Stoccolma, per 28 anni.

La scoperta choccante è stata fatta da un parente, appena domenica scorsa, dopo che la “madre-carceriera” si è ammalata ed è stata ricoverata in ospedale.

“La donna è sospettata…”

Il procuratore di Stoccolma, Emma Olsson, è di poche parole, ma chiare.
“La donna è sospettata per probabile privazione illecita di libertà, lesioni personali gravi e malattia aggravata. Ora è stata interrogata dalla polizia”.

AP
Il procuratore di Stoccolma Emma Olsson.AP

Un figlio con problemi psichici

L’anziana donna ha ritirato ritirato il figlio da scuola all’età di 12 anni. Ora dovrebbe avere circa 40 anni. L’uomo è stato trovato seduto su un letto, con coperte e cuscini, ferito con piaghe infette, senza denti e sommerso dalla sporcizia.

Un vicino di casa è stupefatto: “Pensavamo che vivesse da sola. Quando le ho parlato, non ho avuto l’impressione che ci fosse qualcun altro che vivesse con lei. Una signora anziana, sola: è così che la vedevamo”.

 
AP Photo
“Per noi era una donna anziana, sola…”.AP Photo

Kenth Svedberg è un altro vicino di casa: “Quello che è davvero spaventoso è che è andata avanti per così tanti anni. Incredibile! E ora spero che qualcuno si prenda cura del figlio”.

AP Photo
“Spero che qualcuno si prenda cura del figlio”.AP Photo

Rischia 10 anni di carcere

Se verrà giudicata colpevole di detenzione illecita e di lesioni personali gravi, la “mamma-carceriera” di Stoccolma rischia fino a dieci anni di prigione.

AP Photo
La finestra della camera dove era segregato il figlio.AP Photo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE