fbpx

Uccise la moglie in un “delirio di gelosia”, il giudice lo assolve

Cronaca

La sentenza è stata emessa dal tribunale di Brescia: l’uomo, 80 anni, è stato dichiarato incapace di intendere e di volere

© Afp – Tribunale

AGI – Accusato di aver ucciso la moglie è stato assolto perché ritenuto incapace di intendere e volere per un totale vizio di mente avendo colpito durante “un delirio di gelosia”. Il processo a Antonio Gozzini, 80 anni che ha ucciso ad ottobre 2019 la moglie Cristina Maioli, insegnante di scuola superiore, si è chiuso con l’assoluzione. Il pm aveva chiesto l’ergastolo.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE