fbpx

Nigeria. Attacco a scuola, scomparsi 400 studenti. Si cerca nelle foreste

Estero

I genitori si riuniscono alla scuola di scienze governative dopo l’attacco di venerdì. Fotografia: Afolabi Sotunde / Reuters

Centinaia di alunni nigeriani sono scomparsi, e molti si temono siano stati rapiti, dopo che uomini armati hanno attaccato una scuola secondaria nello stato nord-occidentale di Katsina.

Un folto gruppo di uomini armati di AK-47 ha invaso la scuola secondaria di scienze governative di Kankara venerdì sera, sparando alla sicurezza locale, hanno detto funzionari governativi.

Si sospetta che l’attacco sia stato effettuato da “bande di banditi”. Il governatore di Katsina, Aminu Masari, ha detto che i funzionari stavano setacciando le foreste vicine alla ricerca di 333 studenti e contattando i genitori “per accertare il numero effettivo che è stato rapito”.

“Stiamo ancora contando perché altri stanno uscendo dalla foresta”, aggiungendo che nessun gruppo aveva rivendicato la responsabilità.

La polizia ha ingaggiato gli aggressori “in un duello a fuoco che ha dato [ad alcuni] studenti l’opportunità di scavalcare il recinto della scuola e correre per mettersi in salvo”, ha detto un portavoce della polizia, Gambo Isah.

“La polizia, l’esercito nigeriano e l’aviazione nigeriana stanno lavorando a stretto contatto con le autorità scolastiche per accertare il numero effettivo degli studenti scomparsi e / o rapiti”, ha detto Isah. “Le squadre di ricerca stanno lavorando per trovare o salvare gli studenti scomparsi.”

L’attacco ha scatenato la rabbia nella regione in gran parte povera e rurale nei confronti del governo del paese, che è sotto pressione crescente a causa della crescente insicurezza. Famiglie sconvolte hanno chiesto risposte mentre i genitori si sono riuniti a scuola durante il fine settimana implorando le autorità di salvare i ragazzi.

Il presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, lui stesso di Katsina e nello stato in viaggio privato, ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna gli attacchi. “Condanno fermamente l’attacco dei banditi codardi contro bambini innocenti alla Scuola di Scienze”, ha detto. “Le nostre preghiere sono con le famiglie degli studenti, le autorità scolastiche e i feriti”.

Il portavoce di Buhari, Garba Shehu, ha detto che l’esercito e l’aviazione hanno localizzato l’enclave dei banditi e un’operazione è in corso.

Eppure c’era una crescente rabbia da parte dei genitori angosciati e della gente del posto che hanno assistito agli aggressori che portavano via alcuni studenti e che sono stati assaliti da attacchi di banditi per anni.

Sabato Masari ha incontrato i genitori che hanno chiesto risposte su dove si trovassero i loro figli. La polizia ha sparato gas lacrimogeni contro gruppi di genitori prima che i funzionari del governo lasciassero la scena, hanno detto testimoni alla BBC Hausa.

Negli ultimi anni sono state condotte diverse operazioni contro gruppi armati, mentre le uccisioni di massa e i rapimenti da parte di banditi sono diventati all’ordine del giorno in gran parte del nord-ovest.

L’aumento delle bande di banditi ha causato un crescente terrore in tutta la Nigeria settentrionale e nord-occidentale. Ci sono spesso imboscate per rapire persone sulle principali autostrade e rapine a mano armata e spesso fatali contro il bestiame e le scorte di cibo.

I più vulnerabili agli attacchi sono stati le città vicine alle foreste che si estendono nel nord-ovest della Nigeria e nel Niger. In mezzo alla carenza di sicurezza rurale, la criminalità armata è aumentata.

Mentre il “banditismo” comprende una serie di attività criminali legate a vari fattori non etnici ed etnici, si sospetta che molti dei recenti attacchi armati su larga scala siano stati effettuati da assalitori Fulani. Secondo Amnesty International, 1.126 persone sono state uccise dai banditi tra gennaio e giugno di quest’anno.

Secondo Bulama Bukarti, esperto di estremismo e analista presso il Tony Blair Institute, l’attacco a Katsina sarà probabilmente il peggior assalto registrato da sospetti banditi. “È un altro importante punto di escalation nel rapido deterioramento della situazione della sicurezza nel nord-ovest”, ha detto.

Molti in Nigeria erano rimasti sgomenti per il fallimento del governo nel proteggere le comunità vulnerabili, ha aggiunto Bukarti. “L’amministrazione Buhari non ha risposto a questa situazione con l’urgenza, la serietà e il tatto che richiede. Sono state lanciate diverse operazioni militari, ma è chiaro che tutte sono a corto di personale, sottoqualificate e con fondi insufficienti “.

Gli esperti hanno messo in guardia sulle crescenti capacità dei gruppi di banditi nella regione e sul potenziale di terrore prolungato simile all’insurrezione jihadista nel nord-est della Nigeria, giunta al suo 11 ° anno.

Nell’aprile 2014, Boko Haram ha rapito 276 ragazze dal loro dormitorio scolastico a Chibok, nello stato nord-orientale del Borno. Circa 100 ragazze sono ancora scomparse. Il gruppo ha anche effettuato rapimenti di altri scolari e di migliaia di persone nel nord-est della Nigeria.

A destare ulteriore allarme è il fatto che la Nigeria nordoccidentale e il confine poroso della regione con il Niger si stanno gradualmente riconfigurando in un nesso per gruppi armati. In molti casi i gruppi sono armati più pesantemente delle forze di polizia locali.

Gli esperti hanno affermato che le alleanze con gruppi jihadisti nel nord-est potrebbero ampliare la portata dei gruppi armati e infliggere più terrore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE