fbpx

Covid 19 : la situazione in Africa

Ambiente & Salute

Scoperta una variante più pericolosa di quella inglese

Attenzione agli sbarchi di migranti

Di Riccardo Guglielmi

Funzionari della Sanità africana hanno diffuso lo scorso 24 dicembre la notizia della scoperta in Nigeria e Sudafrica di una variante di Covid 19 ancora più infettiva di quella inglese. Ritorna la paura di una possibile nuova ondata nonostante le misure adottate dai governi della Unione europea. Matt Hancock, ministro della alla Sanità inglese ha affermato alla BBC che la variante sudafricana si mostra “particolarmente preoccupante” e che sono stati limitati i voli in arrivo dal Paese. Secondo ricercatori di Oxford l’efficacia degli attuali vaccini, certa per la variante inglese, non lo è per quella sudafricana.

A dicembre dello scorso anno, nonostante le difficoltà per la raccolta dati, in Africa erano stati conteggiati circa 2,5 milioni di casi dall’inizio della pandemia, ossia il 3,3% dei casi di tutto il mondo. Nulle ultime settimane la situazione si è aggravata per un incremento dei contagi del 10,9% secondo fonti delle autorità sanitarie africane. La Nigeria ha  un aumento dei contagi del 52%, attualmente 80.000 i casi confermati. In Sudafrica, che ha quasi superato il milione di infezioni, incremento del 40% nelle ultime settimane. Sono  dati che meritano l’attenzione delle autorità italiane in considerazione della ripresa degli sbarchi di clandestini africani sulle coste del Sud Italia al miglioramento delle condizioni metereologiche. La situazione in Africa è seria. Medici e ricercatori nigeriani e sudafricani hanno interrotto le vacanze natalizie e lavorano nei laboratori, senza tregua 24 ore al giorno, nella previsione che un contagio fuori controllo determinerebbe milioni di morti.

– Fonte Web

Tanti sono gli interrogativi. Le attuali vaccinazioni in corso saranno valide su questa variante africana. Saranno adottate misure di prevenzione agli sbarchi di migranti senza cadere nel reato di “sequestro di persona”. Solo il tempo darà risposta a queste legittime domande.  

Riccardo Guglielmi – Giornalista scientifico

Redazione Corriere nazionale.net – Corriere Puglia e Lucania


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE