fbpx

Il Bari in emergenza per Bisceglie. Il mercato, in extremis, potrebbe dargli una mano

Sport & Motori

Sarà un Bari in piene emergenza quello che domenica affronterà il Bisceglie al “Ventura”. Ciofani e Di Cesare, infatti, sono squalificatati, Celiento è in forte dubbio, Minelli non è al massimo della condizione essendo rientrato in gruppo solo dieci giorni fa, mentre a questi si aggiungerà Maita e, dunque, Auteri dovrà pescare dal cilindro qualcuno per mettere la proverbiale pezza dietro in difesa sperando, ovviamente, nel recupero di qualcuno. Il mercato, a tal proposito, potrebbe dare una mano all’allenatore dal momento che il Bari, nonostante le diffuse smentite di ieri, è ancora sulle tracce di Diakitè del Teramo che, come spesso accade in determinate trattative, verrebbe prelevato dal Napoli il quale, poi, lo girerebbe al Bari, e questa operazione, al di là della concretezza, leverebbe una grossa castagna dal fuoco ad Auteri che, quanto meno, potrebbe contare su di lui in difesa domenica prossima. Ma, al momento, le parti sono ancora in trattativa.

Sempre relativamente al mercato, il Bari continua la corte a Gabriele Rolando della Reggina per il quale è pronto ad un’ulteriore uscita finanziaria pur di assicurarselo. All’inizio pareva che potesse arrivare attraverso lo scambio con Simeri, ma adesso l’attaccante è fuori dai parametri della trattativa anche perché su di lui c’è l’Entella di Vivarini, allenatore che ha molta stima verso l’attaccante. Per questo, relativamente a Rolando, si sta valutando l’acquisto in modo definitivo.

Giorno, ormai, è svanito avendo, il giocatore, preferito misurarsi con l’Alessandria. Le piste Da Dalt e Pandolfi appaiono di difficile percorso anche se le trattative proseguono.

A centrocampo è sempre vivida la pista che porta a Di Noia anche se la trattativa prosegue senza tanta convinzione.

Pronti a lasciare Bari sono, si sa, Perrotta, Corsinelli e Hamlili oltre ad Esposito che, al momento, è fuori rosa. Ma Perrotta, gioco forza, potrebbe diventare indispensabile domenica prossima prima della cessione.

 

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE