fbpx

Kamala “penso a mia madre e alle generazioni di donne”

Estero

Potremo dirlo: noi c’eravamo. Potremo raccontarlo ai nostri figli e ai nostri nipoti, potremo spiegare loro cosa abbiamo provato quei giorni di novembre, l’ansia dell’attesa e poi le grida e gli applausi nei video delle strade americane in festa e nelle nostre case. In qualche modo potremo dire di averne fatto parte e – al di là dell’immenso significato di queste elezioni presidenziali – potremo raccontare soprattutto di aver visto con i nostri occhi, per la prima volta nella storia, una donna essere eletta vice presidente degli Stati Uniti d’America. Una svolta storica, incarnata da una Kamala Harris raggiante che sabato notte è salita sul palco di Wilmington con il suo tailleur bianco, come il colore delle suffragette, per pronunciare un discorso epocale, per fare luce – con le sue parole e la sua persona – su quella parte di storia che finora è rimasta ai margini, rimossa da secoli di politica in mano ai soliti uomini, bianchi. “Penso a mia madre e alle generazioni di donne”, ha detto, “donne nere – asiatiche, bianche, latine, donne native americane che abbracciano la nostra nazione – che nel corso della storia del nostro Paese hanno aperto la strada a questo momento. Stasera rifletto sulla loro lotta, la loro determinazione e la forza della loro visione nel credere in cosa poteva essere, tolto il peso di ciò che era stato. Io sto sulle loro spalle”.

Evelyn Zappimbulso 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE