fbpx

Il mito del lockdown?

Cronaca

di Roby Guerra

Da un anno ormai i cosiddetti Lockdown sono un dogma, come unica arma per combattere il corona virus 19 (varianti scoperte nel 2021, anche poi retroattive di qualche mese,  guarda caso con l’arrivo dei vaccini, dopo un anno di inquietante attesa,  generando un terrorismo psicologico globale, i media quasi tutti come collaborazionisti). Lockdown giustificati e spiegati in nome della scienza: pure sempre più i dati scientifici supposti, le cifre all’infinito. Sembra roba da numerologi, non da scienziati.

Il caso della Svezia, unico paese senza lockdown e solo da neppure un mese con lockdown molto soft, per un maggior numero di  contagi rispetto alla prima ondata, può indicare almeno certo mito del lockdown nel resto del mondo (e in Italia in particolare per certa enfasi intenzionale per coprire  una gestione pandemica fallimentare).

Oltre, “dettaglio”  fondamentale e rivelatore per la Svezia,  in stato di libertà dei cittadini. La Svezia ha 10 milioni di abitanti, l’Italia 60. Le persone scomparse da inizio pandemia  sono circa 11.000 (in stato di libertà) in Svezia, in Italia (in stato di lockdown e arresti domiciliari) circa 85.000. I contagiati in Svezia da inizio pandemia sono circa  550.000, in Italia 2.500.000. Vedi link: https://statistichecoronavirus.it/coronavirus-italia/ e https://statistichecoronavirus.it/coronavirus-svezia/

Le statistiche aggiornate in tempo reale del coronavirus Covid-19 in Svezia. I dati dei contagiati, dei morti, dei guariti e dei casi attivi. Nell’ultimo aggiornamento i contagiati sono 542.952 (statistichecoronavirus.it).

Questi sono dati “assoluti”, non relativi, come in Italia ormai appare anche il dogma del cosiddetto RT, lasciando perdere  tutte le incongruenze sugli stessi altri 20 parametri più o meno occulti. Pare che lockdown o meni i dati siano almeno simili, anzi circa 20-30 mila decessi in meno in Svezia e mediamente i contagi inferiori o simili e comunque meno gravi, visti anche i decessi minori.

In Stato di Libertà in Svezia e senza semidefault per l’economia e le attività produttive come certamente in Italia. In Svezia nessun terrorismo psicologico, nessuna povertà, mentre in Italia peggioramento psicosociale della popolazione e povertà.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE