fbpx

Chi “assalta la diligenza”, oggi si porta via “borsa e vita”

Economia e Finanza

L’intera comunità mondiale esce prima e meglio da questa calamita solo impedendo al sistema finanziario privato che fino ad oggi ha speculato giustamente sulla “borsa” dei popoli di continuare a fare profitti speculando anche sulla “vita”.

Una diligenza presso il passo dello Stelvio, nel 1881 (Fotograf R. Guler, Chur, Public domain, via Wikimedia Commons)

I più ritengono che sia stato utile affidare la gestione del denaro agli speculatori finanziari che meglio dei politici sanno come rendere produttiva l’economia curando la doppia circolazione del risparmio e del credito. E non è detto che non lo sia realmente.

Potendo disporre anche della sovranità monetaria i politici sarebbero stati tentati a governare da cani e poi stampare moneta e comprarsi il consenso. Perciò, in condizioni normali è bene che siano i banchieri e non i politici ad  usare il potere finanziario speculando sull’impiego e sulla circolazione del denaro.

Ma da un anno il covid ci sta dimostrando che anche ora che la “borsa” è vuota di reddito per i cittadini e tributi per lo stato, il mondo finanziario prosegue indisturbato a speculare sulla “borsa bucata” e sulla “vita malata” della collettività, e questo è a dir poco abominevole. 
Fino a quando non si risolve il problema pandemia quel potere andrebbe sottratto alla speculazione di pochi e restituito con urgenza a beneficio del Popolo, che in democrazia è costituzionalmente sovrano: ma nessuno ne parla. 

Per il pachidermico  mondo culturale italiano, quello della sovranità monetaria è un pericoloso tabù da cui tenersi alla larga. Almeno quanto tenere i fili dell’alta tensione a rispettosa distanza.
Oggi l’improduttivita da lockdown non si può più affrontare a cambiali. Il denaro è dei popoli democratici e nei momenti di drammatica emergenza dovrebbe essere stampato e consegnato a tutti gratuitamente perché non è in gioco solo la vita dei singoli, ma il futuro dell’umanità.
Prendendolo a debito si finge di salvare una generazione di anziani, ma per acquisire titolo legale a derubare  in maniera crescente ed irreversibile le future generazioni. Vedi Grecia derubata e dissanguata.

Joe Biden, appena insediato alla Casa Bianca ha detto: “se non si esce dalla pandemia non può ripartire l’economia”.
Allora è ovvio che l’intera comunità mondiale esce prima e meglio da questa calamita solo impedendo al sistema finanziario privato che fino ad oggi ha speculato giustamente sulla “borsa” dei popoli di continuare a fare profitti speculando anche sulla “vita”.
Finché non riparte l’economia mondiale, nessuna forma di profitto dovrebbe essere consentita a chi, gestendo il potere reale del denaro, ha nelle sue mani il presente e il futuro dell’umanità, più della “politica senza portafoglio”, che continua a girare in tondo come un cane che si morde la coda, gestendo un grande potere legale, ma di infimo potere reale.

Franco Luceri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE