fbpx

Pd e M5s attaccano sul principe saudita. Renzi: “Arabia baluardo contro i fondamentalisti”

Politica

Il leader di Italia Viva: “Litigano su tutto, ma si ricompattano solo per sparare a zero su di me”. 
Passata in secondo piano per l’evolversi della crisi di governo che ha portato all’arrivo di Mario Draghi, riesplode la polemica sul ‘caso’ Renzi-Bin Salman. A riaccendere i riflettori è un rapporto di quattro pagine della Cia in cui si rileva la responsabilità diretta del principe saudita Mohammed Bin Salman nell’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi, avvenuto il 2 ottobre del 2018.

Secondo gli analisti della Cia un ruolo centrale lo avrebbe avuto proprio Bin Salman, il trentacinquenne erede al trono intervistato lo scorso gennaio dal leader di Italia viva. E ora Pd, M5s, Sinistra italiana e Verdi chiedono all’ex premier di “chiarire”. La replica non si fa attendere. Intrattenere rapporti con l’Arabia Saudita “non solo è giusto, ma è anche necessario”, puntualizza Renzi. Che liquida gli affondi di M5s e Pd: “Litigano su tutto” ma “si ricompattano solo per sparare a zero su di me.”

Fine gennaio, l’Italia era nel pieno della crisi di governo, con le dimissioni delle due ministre renziane e, successivamente, l’addio di Conte a palazzo Chigi dopo il fallimento dell’operazione ‘responsabili’: in quei giorni su alcuni organi di stampa compare la notizia di un viaggio di Matteo Renzi in Arabia Saudita. Poco dopo è un video a confermare la ‘trasferta’, in cui il senatore di Rignano intervista Bin Salman nell’ambito della quarta edizione della conferenza ‘Future Investment Initiative’. Ma a far discutere sono soprattutto le parole pronunciate da Renzi: “E’ un privilegio discutere con lei di Rinascimento”, spiega l’ex premier, secondo il quale l’Arabia Saudita “puo’ essere il posto di un nuovo Rinascimento per il futuro”.

Finito nel mirino, lo stesso Renzi garantisce che avrebbe affrontato il tema una volta chiusa la crisi di governo. Poi, i primi giorni di febbraio, in un’intervista al settimanale tedesco Die Zeit, afferma: “Naturalmente ci devono essere progressi per i diritti umani in Arabia Saudita, ma è un errore dipingere il Paese come il regno del Male”, anche se “deve essere fatta chiarezza sul caso Khashoggi. Non ci deve essere nemmeno l’ombra del dubbio”.

Ora il rapporto della Cia fa riesplodere la polemica. L’ex ministro ed esponente dem Peppe Provenzano ricorda sui social: “Matteo Renzi aveva detto che dopo la crisi avrebbe chiarito i suoi rapporti con l’Arabia Saudita e il ‘grande principe ereditario’. Lui non ha ancora detto nulla, ma ci ha pensato Joe Biden. Chiarire ora non è solo questione di opportunità, ma di interesse nazionale”. Gli fa eco Gianni Cuperlo: “Il senatore Renzi aveva annunciato che, una volta archiviata la crisi di governo, avrebbe offerto le motivazioni di quella sua iniziativa. È opportuno che lo faccia. Se possibile presto”.

Sempre dal Pd, è il vice capogruppo alla Camera, Michele Bordo, a incalzare: “Renzi spieghi i suoi rapporti con Mohammed Bin Salman. Ci dica anche se è ancora convinto che in Arabia Saudita sia in atto un nuovo rinascimento. Renzi ha il dovere di chiarire: non è un semplice cittadino ma un senatore della Repubblica”. Stessa richiesta di chiarezza era arrivata da Sinistra italiana che ora, con Nicola Fratoianni, osserva: “Piano piano la pressione sta crescendo: è un bene per l’Italia. Insistiamo ancora: Renzi dovrà trarne le conseguenze”.

Non è da meno il Movimento 5 stelle: “Matteo Renzi in quanto senatore della Repubblica non può più perdere altro tempo e deve chiarire la natura dei suoi rapporti col principe saudita Mohammed Bin Salman e quello con la fondazione Future investment iniziative”, dichiara la vicepresidente della Camera, Maria Edera Spadoni. “Renzi deve dare spiegazioni al Parlamento e al Paese. La questione presenta aspetti istituzionali delicati, non può snobbare le numerose richieste di chiarimenti che giungono da più parti”, afferma Mario Perantoni, presidente della commissione Giustizia della Camera, M5s. “Come puo’ il senatore Renzi non fornire una risposta a chi gli chiede di prendere le distanze dal regime saudita dimettendosi dalla fondazione?”, incalza il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli.

Renzi affida a una lunga enews la risposta, in cui ricorda di aver spesso difeso i giornalisti perseguitati dai diversi regimi dittatoriali e respinge le accuse di aver taciuto sulla vicenda, infine sottolinea di pagare in Italia le tasse sui compensi ricevuti per le sue conferenze nel mondo e nega che siano mai giunti soldi a Pd o Iv per queste attività.

“L’Arabia Saudita è un baluardo contro l’estremismo islamico ed è uno dei principali alleati dell’Occidente da decenni. Anche in queste ore – segnate dalla dura polemica sulla vicenda Khashoggi – il presidente Biden ha riaffermato la necessità di questa amicizia in una telefonata al Re Salman” scrive Renzi, e ha “ribadito la necessità di procedere con più determinazione sulla strada del rispetto dei diritti”. Quindi, prima premette “io non scappo mai davanti ai problemi. E sono abituato a metterci la faccia”, poi il leader di Iv passa al contrattacco, ricorrendo all’ironia: “Pd, M5s e persino Leu sono dilaniati da polemiche interne. Litigano su tutto” e “sono davvero felice di essere uno dei rari motivi di unità: si ricompattano solo per sparare a zero su di me”.

Renzi spiega di non avere “difficoltà a raccontare dove vado e cosa faccio”, “se serve sono sempre disponibile a parlare di politica estera in tutti i luoghi, con chiunque, sapendo che la strada per difendere i diritti umani è una strada difficile ma da combattere ovunque. Mi spiace solo che si utilizzi la vicenda saudita per coprire le difficoltà interne italiane e per giustificare un’alleanza dove – come spesso è accaduto a una certa sinistra – si sta insieme contro l’avversario e non per un’idea”, conclude.

Per il fondatore di Italia Viva la sinistra di oggi ha incoronato l’ex premier senza il passaggio delle primarie “trasferendo la legittimazione dai gazebo ai sondaggi.

AGI – Agenzia Italia 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE