fbpx

Quali sono le 24 province che rischiano subito la chiusura delle scuole

Cronaca

Sono 24 le province che rischiano di dover richiudere subito le scuole in virtù del nuovo dpcm e altre 21 quelle che sono al limite per la chiusura: è quanto emerge da una stima AGI/YouTrend sulla base dei dati disponibili dalla Protezione Civile, anche se le decisioni definitive saranno prese su quelli dell’Iss. La stima ipotizza che la chiusura degli istituti scolastici sarà a livello provinciale, come sembra al momento probabile.

I parametri decisi dal governo

La cabina di regia riunita a Palazzo Chigi ha approvato il parametro proposto dal Comitato tecnico-scientifico che prevede la chiusura delle scuole nelle regioni gialle e arancioni che registrano oltre 250 casi Covid ogni 100 mila abitanti per almeno 7 giorni consecutivi. Nelle zone rosse (al momento Basilicata e Molise) in base al nuovo Dpcm gli istituti scolastici dovrebbero chiudere a prescindere e questo riguarderebbe quindi attualmente le province di Potenza, Matera, Isernia e Campobasso. La chiusura e il ritorno alla didattica a distanza riguarderà anche elementari e medie.

Le Province a rischio di chiusura immediata 

Secondo le stime YouTrend sono al momento 24 le Province in cui si supera la soglia settimanale di contagi che impone la chiusura: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Chieti, Como, Forlì, Frosinone, Imperia, Macerata, Mantova, Modena, Monza e Brianza, Pescara, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Salerno, Siena, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola.

E quelle al limite

Ci sono poi altre 21 Province che hanno tra i 200 e i 250 casi ogni 100.000 abitanti e sono quindi vicine al rischio chiusura: Arezzo, Ascoli Piceno, Caserta, Cremona, Cuneo, Ferrara, Gorizia, Isernia, Lecco, Lucca, Massa-Carrara, Milano, Napoli, Parma, Pavia, Perugia, Prato, Taranto, Torino, Varese, Vercelli. 

Agi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE