fbpx

Continua il massacro di manifestanti in Birmania

Estero

“L’esercito deve smettere di “assassinare i manifestanti”, questo il drammatico appello delle Nazioni Unite. Dall’inizio del golpe militare in Birmania sarebbero almeno 54 i morti e circa 1.700 le persone tratte in arresto. Un bilancio provvisorio che rischia di salire drammaticamente.

Le proteste contro il colpo di Stato militare proseguono. I manifestanti anti golpe sono tornati ad affollare le strade di molte città della Birmania nonostante i 38 morti di ieri, il bilancio più pesante dal 1 febbraio scorso in cui si è verificato il colpo di Stato.

A Rangoon anche questa mattina si sono avvertiti colpi di arma da fuoco, anche se al momento non risultano esserci ulteriori vittime. Nelle scorse ore si è tenuto il funerale di Kyal Sin, la 19enne uccisa a Mandalay dalle forze di sicurezza. Nei social è stato possibile seguire la diretta nonostante il divieto della giunta militare.

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE