fbpx

Come funziona la pillola dei cinque giorni dopo

Ambiente & Salute

Che cos’è la pillola dei 5 giorni dopo e perché è diversa dalla pillola del giorno dopo?

La notizia che anche in Italia cade l’obbligo della prescrizione medica per la pillola dei 5 giorni dopo EllaOne per le maggiorenni e successivamente per le minorenni, ha fatto molto scalpore e ha accesso numerosi dibattiti tra favorevoli e contrari.

La pillola dei cinque giorni dopo è molto importante per evitare una gravidanza inaspettata, può essere presa sin dal primo momento dopo un rapporto sessuale non protetto e fino ai 5 giorni dopo, offrendo una maggiore efficienza e sicurezza alle giovani donne che non intendono incorrere in una gravidanza indesiderata.

In questo articolo andremo a vedere in cosa consiste la pillola dei cinque giorni dopo, perché è efficiente e quali sono le principali differenze con la pillola del giorno dopo tradizionale.

La pillola dei cinque giorni dopo EllaOne è un farmaco a base di ulipristal acetato e ha la capacità di disturbare e bloccare i processi dell’ovulazione. I suoi componenti sono il lattosio monoidrato, il povidone, il croscarmellosio sodico e il magnesio stearato. 

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la pillola dei 5 giorni dopo rientra nella categoria di contraccezione di emergenza perché può essere assunta in caso di rischio di gravidanza indesiderata fino a 120 ore successive al rapporto sessuale non protetto.

L’ulipristal acetato è in grado di ritardare l’ovulazione in modo da impedire la fecondazione dell’ovulo: il principio attivo interviene sugli effetti del progesterone, ovvero l’ormone che stimola le proteine e contribuisce all’ovulazione creando le condizioni favorevoli per far avvenire la fecondazione. La pillola EllaOne ha lo scopo di impedire che avvenga la fecondazione.

La confezione della pillola EllaOne contiene un’unica compressa a base di ulipristal, in una dose di 30 mg. La compressa si presenta di colore bianco e viene prodotta dalla HRA Pharma. Non è un contraccettivo utile per un rapporto futuro e non è un farmaco in grado di interrompere una gravidanza già in corso.

Secondo diversi studi scientifici, la pillola dei 5 giorni dopo ha un’efficacia del 95% se assunta nel più breve tempo possibile dopo un rapporto non protetto. La sua efficacia diminuisce gradualmente entro le 120 ore successive.  

Dopo aver preso la pillola dei cinque giorni dopo, è possibile avere esclusivamente rapporti protetti fino alle prossime mestruazioni.

Ci sono notevoli differenze rispetto alla pillola del giorno dopo che è a base di levonorgestrel.

Pillola dei cinque giorni dopo EllaOne: le differenze con la pillola del giorno dopo

L’efficacia del farmaco sembra essere superiore nelle prime 72 ore e il suo l’effetto si mantiene in modo elevato anche nei due giorni successivi, fino alle 120 ore successive al rapporto non protetto. La sua efficacia, nelle prime 12 ore, è paragonabile a quella della pillola del giorno dopo.

La pillola dei cinque giorni dopo è molto tollerata dal corpo umano ed è per questo che è stata autorizzata dal Ministero della Salute per l’utilizzo del farmaco anche da parte delle minorenni. In questo modo, il corpo di una giovane ragazza va incontro a ridotte possibilità di eventuali effetti collaterali.           

Proprio a causa della sua estrema tollerabilità per il corpo di una donna, la pillola dei cinque giorni dopo EllaOne può essere presa senza ricetta sia dalle donne maggiorenni che dalle minorenni. I sintomi più comuni si limitano ad una cefalea, dolori addominali, una leggera nausea e sbalzi d’umore. Alcuni di questi sintomi sono ricollegabili ad una gravidanza e se si manifestano prima del ciclo mestruale, è consigliato effettuare un test di gravidanza preventivo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE