fbpx

“Psicanalisi del futuro” di Roby Guerra – Un antidoto alla “defuturizzazione”

Arte, Cultura & Società

Intervista allo scrittore Roby Guerra, tra i principali esponenti del neofuturismo letterario italiano

di Stefania Romito

Roby Guerra, nei tuoi libri ti avvali sempre di un occhio indagatore per interpretare la società contemporanea in un’ottica evoluzionista. In che cosa si differenzia questa tua nuova produzione psicoletteraria dal titolo “Psicanalisi del futuro”?

Fin dal primo libro negli anni ’80, poesie in “Fiori della Scienza”, poi riedito integrale nel 2014 da Armando Editore, in Gramsci 2017, già per la scelta di sperimentare una poetica tecnologica e scientifica del nostro tempo, futurista, sondavo dinamiche simultaneamente letterarie e sociali a orientamento scientifico. Nell’attuale drammatica era del virus e della fine o il rinvio di qualsivoglia utopia sciale tecnoscientifica, questo “Psicanalisi del Futuro”, la dimensione letteraria è solo, in certo senso, minimale, centrata sul contenuto mentale e psichico, di cui certa psicanalisi culturale fornisce ancora, meglio delle stesse pur fondamentali neuroscienze o di certa futurologia o sociologia mediatica, i migliori antivirus mentali  per salvare l’esistenza in quest’era pandemica e di declino parallelo della civiltà occidentale. Arte e letteratura sono, in ogni caso, la migliore psicanalisi intuitiva e immaginaria, non solo il Futurismo.

Questa tua raccolta di interventi degli ultimi 25 anni (edita da Tiemme Digitali a cura dello scrittore Riccardo Roversi) rappresenta un’analisi del futuro alla luce della psicanalisi culturale che trae i suoi principali spunti di riflessione da alcuni fondamenti del Futurismo di Marinetti. Quali esattamente?

Il Futurismo, in quanto tale, oltre a anticipare il futuro in senso neoumanista (spesso misconosciuto ancora oggi) accentua sguardi anche critici verso certa tecnocrazia globale che ha ad esempio- palesemente degradato e pericolosamente ogni futuro possibile ben diverso nelle intenzioni, ad esempio già trasformato la liberatoria rivoluzione elettronica e scientifica in -con una metafora- algoritmi totalitari-: Anziché le utopie di Marinetti e Asimov e tanti altri artisti o scienziati moderni, prevalgono oggi 1984 di Orwell o altre distopie…  Anche la Psicanalisi di Freud e lo stesso Jung  puntavano, nelle loro estensioni sociali, a una Utopia scientifica per un Mondo Nuovo più evoluto, in senso umanista e scientifico, in modo simile alla rivoluzione futurista e artistica. Ma gli umani anziché ad esempio all’Inconscio o all’arte, credono tutt’oggi ai Sacerdoti della Politica e da un anno al Dio della Salute, al divino virus ben noto, neppure alla Vera Scienza, piuttosto a una Scienza tecnocratica e in ultima analisi…”Pseudo Scienza”…: siamo già tornati nel Medioevo!

Nei tuoi saggi contenuti nel libro emerge il concetto di uomo concepito come “animale desiderante”, da sempre orientato verso il futuro. Un futuro inizialmente “inconsapevole” divenuto consapevole in virtù di quali fattori sociologici e psicologici?

L’uomo (e la donna)  vive-vivono nel futuro, in quanto è un animale che desidera e desidera la Libertà, l’unico animale, quindi con la propria identità da sempre proiettata quotidianamente verso il domani. Da Neandartal all’Homo Sapiens dalle origini inconsciamente, poi dalla rivoluzione scientifica e dal rinascimento, dopo millenni anche di relativa civiltà (è la storia occidentale…) semiconsapevole, l’ascesa della coscienza è stata ininterrotta e sempre più veloce e complessa fino all’era della pandemia. Per migliaia e migliaia di anni sempre una avanguardia, una minoranza “mutante” ha periodicamente innestato salti verso il futuro, trascinando le comunità… intuendo meglio e poi capendo meglio… la trasformazione del mondo grazie al dinamismo tecnologico (da ogni paleotecnologia…), l’arte e la filosofia e poi la scienza, liberando il mondo ad un certo punto dalle superstizioni  irrazionali e poi le religioni: sto parlando del vero progresso eterno…

In che misura la diffusione del coronavirus potrà contribuire a quella “defuturizzazione”  di cui accenni nei tuoi saggi?

L’evoluzione non convenzionale dell’umanità era già relativa e  contaminata da religioni e irrazionalismi (anche secolari e laici come la Politica e l’Economia) prima del Covid 19: l’esplosione del virus, come le prime bombe atomiche (ma non certo nonostante i Media collaborazionisti e il Main.tream dominante, ha già trasformato il mondo in un nuovo medioevo, non tanto il virus ma i Politici, i Media ecc, . di tutto il mondo (il resto è indicibile) hanno già ucciso il Futuro per le nuove generazioni, nuovamente divinizzato il virus come Religione tecnocratica della Salute (al di là della pericolosità autentica del virus – ma ripetiamo non è un asteroide come quello dei Dinosauri…).  Come scritto in uno dei saggi di questo libro, quello su Thomas Szasz e lo Stato Terapeutico,  psicanalista che scrisse di una certa possibile distopia, in fine secolo scorso circa, con il Covid 19, la disumanizzazione psicosociale è un fatto conclamato… Io personalmente, dopo questo saggio, non ho più nulla da dire, almeno in certo senso: e ti ringrazio per la possibilità che mi dai e date, come memoria del futuro e di un futurista che ha sbagliato, vano negarlo, le sue previsioni per un prossimo futuro, almeno non remoto, rivoluzionario,  a  suo tempo (fino al duemila….) possibile. Ma il miglior futuro comunque a tutti quanti, la storia è anche una singolarità da cui sbocciano eventi imprevedibili che cambiano in senso progressivo,  e non regressivo come le epidemie, il futuro, cioè il Presente…

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE