fbpx

Papà in forma con il “Daddy do Over”

Ambiente & Salute

L’uomo italiano simbolo del maschio latino e conosciuto nel mondo per bellezza, fascino, stile e savoir-faire dimostra di tenere molto al proprio aspetto fisico e, soprattutto con l’avanzare dell’età, si dimostra “sensibile” alla comparsa delle prime rughe e della pancetta.

Anche nel nostro Paese si parla, infatti, di un fenomeno nascente e denominato Daddy do Over, indicando una remise en forme che spesso avviene fra i 40 e i 50 anni o dopo la fine di un rapporto sentimentale lungo. Perché, dunque, questo 19 marzo, non stupire il nostro papà con una coccola di bellezza

In forma per sentirsi più sicuri e competitivi, gli uomini si affidano alla medicina ed alla chirurgia estetica purché offra procedure indolori, risultati naturali, privacy, recupero veloce per un rientro fulmineo alle attività professionali, con poche indicazioni prima e dopo. A spiegarlo è il prof Sergio Noviello Direttore Sanitario di Sergio Noviello Cosmetic Surgery & BAT Centre di Milano

 Lo Zoom Boom e l’uso delle mascherine hanno aumentato le richieste di trattamenti di Medicina Estetica, ma anche di Chirurgia. Di cosa stiamo parlando? La faccia inquadrata in primo piano dai servizi di teleconferenza, ai party con gli amici, o agli appuntamenti romantici che ai tempi della pandemia hanno sostituito gli incontri di persona, hanno portato le persone a doversi misurare con quella che viene definita la” Lockdown face” a far scattare il bisogno di ricorrere ad aggiustamenti estetici per presentarsi in video al meglioIl fenomeno di Zoom, Skype, Microsoft Team, ed altre piattaforme di videocollegamento digitale ha “contagiato” un po’ tutti scatenando anche per “lui” la voglia di vedersi meglio.

In particolare, gli uomini chiedono di intervenire su doppio mento, lassità cutanee del terzo inferiore, un’area messa molto in evidenza proprio durante le videocall. La valorizzazione dello sguardo e degli occhi ha fatto, inoltre, aumentare le richieste di blefaroplastica e soluzioni come il botox per alleggerire le rughe del terzo superiore o trattamenti iniettivi contro borse e occhiaie.

 Gli uomini, però, hanno un approccio diverso alla bellezza e alle procedure di ringiovanimento del viso, non solo perché la loro pelle ha caratteristiche differenti da quella femminile, ma perché ricercano soluzioni che tengano in considerazione le loro necessità in termini di vita professionale e privata. “Rispetto alle donne- chiarisce il prof Noviello-  dimostrano meno compliance nel gestire il post operatorio chirurgico, sono meno abituati a prendersi cura della propria pelle e meno disponibili ad affrontare anche piccoli disagi dopo un intervento”.

“Nei lunghi di anni di esperienza- conclude il prof Noviello-  abbiamo constatato che le rughe tendenzialmente donano fascino all’uomo. Al contrario ciò che invecchia il volto sono i segni del tempo nel terzo inferiore di cui parlavamo prima: adiposità nell’area sottomentoniera, mancanza di definizione di mento e profilo mandibolare, perdita di tono cutaneo”. 

Ecco perché la medicina e la chirurgia estetica evoluta si rivolgono all’uomo in quanto tale, tenendo conto di quelle differenze epidermiche che distinguono l’aging maschile da quello femminile, andando ad intervenire sugli inestetismi che invecchiano sensibilmente il profilo degli uomini.  Poter finire tra le mani esperte della manual facialist dei VIP Alessandra Ricchizzi presso il centro di nutrizione e Anti-aging Cerva 16 di Milano, non è più solo un’ambizione femminile, anche gli uomini più o meno “maturi” confermano l’attenzione alla cura di sé anche in ambito estetico.

Per la Festa del Papà hanno già fatto richiesta di trattamenti ad hoc. È la stessa Alessandra che spiega come siano da subito più evidenti gli effetti del suo massaggio “Manual lifting” sul viso di un uomo.  “Per gli uomini che non amano aghi e filler quindi, il mio massaggio dal potere ossigenante e illuminante, sul viso maschile risulta immediatamente efficace. Inoltre, avendo una struttura muscolare più spessa, il volto dell’uomo risponde molto bene alle manipolazioni. Di solito, prima di procedere analizzo la texture della pelle: gli uomini, si sa, sono meno attenti alla cura del loro viso, quindi vale la pena osservarla per capirne le necessità”: spiega l’esperta.

Quali sono le zone più critiche del viso di un uomo? “Dopo i 40 anni, come per le donne, la zona perilabiale, dal labbro allo zigomo, si svuota e il viso appare molto più stanco. Il mio massaggio ri-ossigena i tessuti e alza lo zigomo: il viso appare subito più turgido e di certo più liftato“: precisa Alessandra Ricchizzi.

Gli uomini inoltre, come l’eroe Sansone– sono sempre più attenti alla bellezza e alla forza della chioma. I capelli sono una parte del corpo di un uomo strettamente collegati all’aspetto estetico. In una società come quella moderna in cui la perfezione del corpo è lo standard principale, la propria capigliatura acquisisce un valore fondamentale, un elemento distintivo di ogni persona. Molti uomini con lo stress da pandemia hanno visto peggiorare il problema della perdita dei capelli. A prescindere dalla causa a cui è dovuto, lo stress, specie se intenso e prolungato, favorisce sempre la caduta dei capelli. 

Un tricologo di fama internazionale come il prof. Fabio Rinaldi, direttore del Laboratorio di ricerca Hmap di Giuliani, spiega che, ad interessare gli uomini, è tipicamente l’alopecia androgenetica, una forma di calvizie legata all’eccessiva produzione di ormoni maschili. Può iniziare a manifestarsi fin dalla pubertà, ma in genere esordisce fra i 20 e i 25 anni. Solitamente, la caduta dei capelli che caratterizza l’alopecia androgenetica ha due picchi: il primo tra i 20 e i 30 anni, il secondo tra i 40 e i 50. Superata questa età, la caduta rallenta e la situazione tende a normalizzarsi.

Lo stress che si sta vivendo in questo anno di pandemia probabilmente concorre ad esasperare questa vulnerabilità, a risentirne è il bulbo pilifero, che lavora peggio. È necessario capire la causa della perdita per una diagnosi corretta, ma una soluzione per rinforzare i capelli, in modo da renderli più resistenti e, quindi, meno soggetti alla caduta, è rappresentata da prodotti topici a base di polipeptidi biomimetici con lattoferrina o lattoglobulina che irrobustiscono la chioma.  Ad ogni papà dunque il proprio regalo, ma perché non stupirlo con un idea-regalo in bellezza? Una coccola per l’uomo più importante della nostra vita!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE