fbpx

Le parole importanti del Papa in Iraq

Arte, Cultura & Società

“Dopo questi fatti, Gesù andò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e una grande folla lo seguiva, vedendo i segni che faceva sugli infermi. Gesù salì sulla montagna e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Alzati quindi gli occhi, Gesù vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?» Questo lo diceva per metterlo alla prova; lui infatti ben sapeva quello che stava per fare” (Gv 6, 1 – 6). Così, Giovanni, nel racconto della moltiplicazione dei pani. Le parole di Gesù, secondo il racconto dell’evangelista, sortivano il loro effetto, grazie ai segni che Gesù faceva sugli infermi.

Stavo pensando a quale effetto possano sortire le sagge, importanti parole pronunciate dal Papa durante il suo pellegrinaggio in Iraq. Ha chiesto perdono, il Papa, “al cielo e ai fratelli per tante distruzioni e crudeltà”. Ha detto basta con le armi e con chi le produce, giacché è necessario dar “voce al grido degli oppressi e degli scartati perché nel pianeta troppi sono privi di pane, medicine, istruzione, diritti e dignità”. Ha ricordato la profezia di Isaia: “I popoli spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, delle loro lance faranno falci”, e ha detto che non si è realizzata, giacché  “spade e lance sono diventate missili e bombe”.
Parole importanti, che ovviamente è un bene siano state pronunciate, ma quale l’effetto? Su chi? Le persone buone e oneste, forse potranno diventare ancora più buone e più oneste, ma gli appassionati delle armi e della guerra, i potenti crudeli della terra, potranno essere minimamente sfiorati da quelle parole? Potranno quelle parole cambiare il loro cuore? Papa Francesco non fa segni sugli infermi.


Renato Pierri




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE