fbpx

Draghi: vaccinare più persone possibile, nel più breve tempo

Politica

“Se la situazione epidemiologica lo permette cominceremo a riaprire la scuola” dopo Pasqua, annuncia il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel corso delle comunicazioni in Parlamento in vista del Consiglio Europeo dedicato a pandemia e vaccini, esprimendo forte soddisfazione per “la partecipazione del presidente degli Usa Biden a un segmento del Consiglio”.

E’ tempo quindi di “pianificare le aperture, e dopo Pasqua in primis le scuole, se la situazione lo permette anche in zone rosse”. L’altro obiettivo è di “arrivare a mezzo milione di dosi al giorno” per le campagne vaccinali.

Quindi Draghi rileva che è “difficile accettare i ritardi di alcuni Regioni. Tutte devono attenersi alle indicazioni del ministero della Salute”, evidenziando le differenze nelle vaccinazioni: alcune “trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale”.

Dobbiamo essere uniti nell’uscita dalla pandemia “come lo siamo stati soffrendo, insieme, nei mesi precedenti”.

“In tempo di pandemia -aggiunge Draghi – anche se le decisioni finali spettano al governo come di recente sancito dalla Consulta sono consapevole che solo con sincera collaborazione tra Stato e regioni in nome dell’unità d’Italia il successo sarà pieno”.

“Il governo intende assicurare la massima trasparenza sui vaccini – spiega Draghi – e renderà pubblici i dati sul sito della presidenza del consiglio regione per regione, categoria d’età per categoria d’età”.

Confermata la linea dura sull’export e l’annuncio di accordi con aziende straniere per “costruire una filiera che non sia vulnerabile rispetto agli shock e alle decisioni che vengono dall’esterno”.

Bisogna quindi lavorare con i partner europei per arrivare a una autonomia della Ue sulla produzione di vaccini.

“Dobbiamo fare tutto il possibile – afferma Draghi – per una piena e rapida soluzione della crisi sanitaria, sappiamo come farlo: abbiamo quattro vaccini sicuri ed efficaci. Tre sono già in via di somministrazione, mentre un quarto, quello di Johnson & Johnson, sarà disponibile da aprile. Ora il nostro obiettivo comune deve essere ora quello di vaccinare più persone possibile, nel più breve tempo possibile”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE